28 C
Napoli
sabato, Agosto 13, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Balneabilità 2022 a Napoli: ok Posillipo, Marechiaro e Lungomare. Niente tuffi nella zona Est


Torna il resoconto stagionale di Internapoli sullo stato della balneabilità delle acque campane, sulla base dei dati Arpac. Quest’anno la Campania si affaccia all’estate con il 97% di coste balneabili e ben 18 bandiere blu, seconda solo alla Liguria.

Giudizio di idoneità balneare di inizio stagione

Il giudizio di idoneità di inizio stagione balneare, espresso nella delibera regionale n. 151 del 30.03.2022, deriva dall’analisi statistica degli ultimi quattro anni di monitoraggio in base agli esiti analitici di due parametri batteriologici: Escherichia coli ed Enterococchi intestinali ritenuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità indicatori specifici di contaminazione fecale. Le acque di balneazione sono classificate secondo 4 qualità previste dalla norma: Scarsa (rosso)Sufficiente (gialla), Buona (verde), Eccellente (blu). Le acque non balneabili sono individuate ad inizio stagione, per queste le amministrazioni comunali dovranno adottare diverse misure ad apertura della stagione balneare.

La balneabilità delle acque della Gaiola e di Posillipo

Come per la maggior parte delle coste della Campania, anche in quest’area le acqua sono classificate con la colorazione blu, eccellente. Infatti, subito dopo il tratto della zona Militare di Nisida, dichiarata non balneabile per ovvi motivi, la zona che va dalla Gaiola a Posillipo, Marechiaro presenta un mare eccezionale. In questo tratto di costa, l’unico non balneabile è quello dell’area marino-protetta, corrispondente al parco della Gaiola, designata dal colore nero.

La qualità del mare nel tratto di costa da Mergellina a Portici

Anche in questa parte del litorale la qualità delle acque risulta essere buona, anche se scarsamente balneabile. Questo perchè, a partire dal porto di Mergellina, classificato nero – non balneabile – sono solo un paio le spiagge balneabili prima dell’inizio del porto di Napoli. In particolare, l’area corrispondente al quartiere Chiaia è designato dal colore verde, cioè qualità buona. Mentre la zona del Castel dell’Ovo presenta qualità eccellente. Dopodiché, con l’inizio del porto di Napoli, il litorale è interamente colorato di nero e dichiarato non balneabile. Anche all’altezza del Museo di Pietrarsa, un volta terminata la zona portuale, il mare non è balneabile a causa della scarsa qualità dell’acqua – colore rosso.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid in Campania, decessi in calo e oltre 2mila positivi: il bollettino

Diminuiscono i morti, due nelle ultime 48 ore, e un altro deceduto in precedenza ma registrato ieri, più o...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria