Beccate dai carabinieri a svuotare gli appartamenti, arrestate 4 giovanissime

Immagine di repertorio

Erano in grado di aprire qualsiasi serratura, anche quelle blindate a Roma. Con un metodo tanto semplice, quanto redditizio per la banda di ladre nomadi finite in manette. Proseguono senza sosta i servizi di controllo dei Carabinieri in tutta la Capitale al fine di prevenire furti in abitazione. Nelle ultime 24 ore, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato 4 donne, in due diversi episodi, tutte già note alle forze dell’ordine, con l’accusa di tentato furto aggravato. Intervenuti per una segnalazione di persone sospette all’interno di un condominio in via Frattina, i Carabinieri hanno sorpreso una 26enne e una 17enne, nomadi, che stavano forzando la porta di un appartamento al quarto piano.

I militari le hanno bloccate e sequestrato gli arnesi da scasso che stavano utilizzando. La stessa scena si è ripetuta poco dopo in un condominio in via dè Riari, dove i Carabinieri hanno fermato due ladre in azione, «pizzicate» ad armeggiare vicino la porta di un appartamento al piano terra, dopo aver forzato il portone condominiale con una lastra di plastica artefatta, creata con il contenitore di un detersivo. Si tratta di una 25enne e una 24enne, entrambe domiciliate presso il campo nomadi di via di Salone. Le arrestate sono state portate in caserma, successivamente la minore è stata accompagnata presso il Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli, mentre le tre maggiorenni sono state trattenute in attesa del rito direttissimo.