Benevento-Cagliari arriva in Parlamento

La polemica innescata dal presidente Oreste Vigorito nel dopo partita di Benevento-Cagliari è giunta fino in Parlamento. A presentare un’interrogazione orale con carattere d’urgenza è stata la senatrice Sandra Lonardo, moglie del sindaco del capoluogo sannita, Clemente Mastella. Al centro delle polemiche la designazione al Var dell’arbitro Mazzoleni in occasione delle ultime due partite del Cagliari, assistente ‘virtuale’ diventato – secondo il presidente del Benevento – decisivo per la conquista di 4 punti per la squadra isolana a discapito dei sanniti e del Napoli.

Nell’interrogazione rivolta al presidente del Consiglio, Mario Draghi, che detiene la delega allo Sport, la senatrice ha elencato una serie di quesiti. “Tenuto conto che il calcio muove interessi e passioni, per cui è doveroso garantire trasparenza e serenità, a partire dal rapporto tra tecnologia ed uomo, venuto meno nella circostanza della partita Benevento-Cagliari; si chiede di riferire, dopo le opportune ricognizioni in sede di Lega Calcio e FederCalcio, se siano salvati i nastri dei colloqui arbitro-Var della partita Benevento-Cagliari e Napoli-Cagliari.

Mazzoleni confermato al Var

“Se sia a conoscenza – continua la senatrice Lonardo – del fatto che con la complicità dell’ex arbitro Mazzoleni, messo alla guida del Var, in soli sette giorni, il Cagliari evita la sconfitta a Napoli e salva la vittoria a Benevento, annullando con la subalternità dell’arbitro Fabbri a Napoli e revocando, sempre con la subalternità dell’arbitro Doveri, il rigore che è apparso con evidenza macroscopica alla quasi totalità del mondo sportivo”.

Una vicenda che a oltre 24 ore continua a tenere banco. Tante le reazioni anche del mondo sportivo che si è diviso sulle parole del presidente Vigorito, ma come esplicitamente dichiarato dal patron sannita “c’è in gioco un anno di lavoro e sacrifici”.

Benevento-Cagliari: i rapporti tra Mazzoleni e la società sarda

“Si chiede di sapere – continua l’interrogazione – come mai sia stato designato Mazzoleni, dopo l’errore della partita Napoli-Cagliari, anche al Var di Benevento-Cagliari, tenuto conto che l’arbitro Fabbri, direttore di gara di Napoli-Cagliari era stato mandato in esilio a dirigere in Serie B dopo la clamorosa svista arbitrale”; se sia a conoscenza, secondo quanto riportato da bergamosportnews.com, dei rapporti tra il fratello di Mazzoleni e il Cagliari di Cellino, proprietario del Cagliari fino a qualche tempo fa, che acquistò una scultura tramite Mario Mazzoleni, fratello del “varista” del Cagliari, oggi posizionata nel giardino antistante la sede del Cagliari”.

Danni morali ed economici al centro dell’interrogazione della senatrice Lonardo che conclude: “Si chiede di conoscere come e con quali mezzi si intenda garantire la correttezza dei risultati calcistici, tenuto conto che il sistema calcio, nel suo complesso, per fortuna, ha retto, nonostante abbia avuto, in alcuni momenti, clamorose cadute di stile, finite in inchieste giudiziarie;  si chiede, altresì, di valutare la portata economica e sociale per la società del Benevento e per la città di Benevento, di quanto, in negativo, sarà prodotto e se e come la FederCalcio intenda risarcire la società del Benevento Calcio per questa cattiveria arbitrale”.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.