27.7 C
Napoli
martedì, Agosto 9, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Bimbo ucciso a Torre del Greco, la mamma resta in cella: «Non accettavo il bambino, temevo fosse autistico»


Il giudice per le indagini preliminari Fernanda Iannone ha convalidato in serata il fermo di Adalgisa Gamba, la donna di 40 anni accusata dell’omicidio del figlio di due anni e mezzo avvenuto a Torre del Greco (Napoli) domenica sera, quando il corpo senza vita del piccolo è stato recuperato nella acque antistanti località La Scala da alcuni ragazzi attirati dalle urla provenienti da una scogliera.

Per la donna, ritenuta responsabile di omicidio volontario in base anche alle prime ammissioni rese lunedì durante un primo interrogatorio nella caserma dei carabinieri, è stato disposto il trasferimento in carcere.

«Non accettavo il bambino, temevo fosse autistico»: è stata una confessione drammatica quella che Adalgisa Gamba, 40 anni, ha fatto al gip di Torre Annunziata nel corso dell’udienza di convalida del fermo che si è svolta oggi. La donna, accusata di omicidio, domenica sera era entrata in mare a Torre del Greco assieme al figlioletto Francesco di due anni e mezzo; il bimbo era annegato, lei si era salvata. Adalgisa, è emerso dalle indagini, era terrorizzata all’idea che Francesco – affetto da disturbi nel parlare – fosse autistico; tuttavia non c’era alcuna diagnosi e l’appuntamento con lo psichiatra infantile era fissato per il giorno successivo alla morte del piccolo. Una situazione difficile quella di Adalgisa, compresa tra la paura per la condizione del bambino, le liti con il marito e le visite dallo psichiatra. Il gip ha convalidato il fermo e ha disposto, come richiesto dal pm, la custodia in carcere della donna. Adalgisa sarà anche sottoposta a esami psichiatrici.

Intanto nel pomeriggio si è svolta l’autopsia sul corpo del bambino. Ad eseguire l’esame è stato Antonio Sorrentino, medico legale nominato in mattinata dalla Procura di Torre Annunziata. La salma del bimbo nelle prossime ore dovrebbe essere dissequestrata e restituita alla famiglia. Le indagini sono coordinate dal procuratore di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Temporale sulla spiaggia della Calabria, famiglia colpita dal fulmine

Quattro persone sono rimaste ferite dopo essere state colpite da un fulmine che è caduto sulla spiaggia a Soverato....
- Pubblicità -

Nella stessa categoria