19.6 C
Napoli
domenica, Aprile 14, 2024
PUBBLICITÀ

Carolina Marconi ed il desiderio di diventare mamma: “La cura ormonale la mia ultima possibilità”

PUBBLICITÀ

La battaglia contro il tumore l’ha superata, ma ecco che Carolina Marconi si trova subito davanti a un altro ostacolo. Vorrebbe tanto avere un bambino al più presto ma, a causa delle terapie ormonali che sta seguendo, non potrà neanche provare a rimanere incinta almeno per i prossimi due anni. “Mi è mancato il respiro sotto la mascherina” ha confidato sui social raccontando la visita dall’oncologo.

Carolina Marconi ha scoperto di avere un tumore al seno proprio mentre stava facendo un ciclo di visite prima di ricorrere alla gravidanza assistita e la speranza di poter essere madre un giorno l’ha sostenuta nella sua lotta contro la malattia. Ma per lei è arrivata un’altra doccia fredda. Ai follower ha raccontato di aver iniziato una nuova cura ormonale che durerà per cinque anni e poi ha rivelato: “Ieri parlando con il mio oncologo, visto il grande desiderio che ho di avere un bambino, mi ha detto che c’è la possibilità di interrompere la cura tra un paio di anni ed avere una speranza. Ma alla mia domanda esplicita è stato un po’ titubante: ‘vediamo..'”

PUBBLICITÀ

“In tutti questi mesi ho sempre pensato e creduto che era cosa certa ed ero felice di sapere che comunque sia ci poteva essere anche per me una gioia… una luce in fondo al tunnel” ha proseguito Carolina. “Avrei voluto che le cose andassero in modo diverso, ma non tutto si può scegliere nella vita. L’unica scelta è andare avanti, aspettare e non perdere la speranza”. E poi ha aggiunto quello che ormai è diventato il suo motto: “Non si molla un c…o”.

Le parole di Carolina Marconi

“Amici come state?io sempre meglio ..piano piano sto riprendendo tutte le mie forze ,oggi inizierò la mia cura ormonale ..spero di nn avere effetti collaterali ..dovrò farla x 5 anni purtroppo..ieri parlando con il mio oncologo visto il grande desiderio che ho di avere un bambino ,mi ha detto che c’è la possibilità di interrompere la cura tra un paio di anni ed avere una speranza ma alla mia domanda esplicita e’ stato un po’ titubante.. vediamo … mi risponde ..vediamo cosa ??… vediamo cosa succederà in questi anni … mi e’ mancato il respiro sotto la mascherina in quel momento di silenzio..avevo un’altra volta quel nodo alla gola di angoscia e sofferenza..mi sentivo nuovamente persa ,cercavo di trattenere le lacrime ..in tutti questi mesi ho sempre pensato e creduto che era cosa certa ed ero felice di sapere che comunque sia ci poteva essere anche per me una gioia …una luce in fondo al tunnel …

Carolina la scienza ancora sta facendo il suo corso

..le gambe tremavano .. quel “vediamo è stato un duro colpo al cuore che ho accusato pesantemente..È in corso uno studio di cui ancora non abbiamo i risultati certi .. si chiama POSITIVE ..,praticamente le donne che dovevano eseguire una cura di cinque anni venivano divise in due gruppi:nel primo la cura veniva fatta come da protocollo,nel secondo per soli 2 anni interrotta poi per dar modo alla donna di avere la possibilità di una gravidanza e subito dopo ripresa al termine della stessa ..Stanno monitorando lo stato di salute delle donne che hanno partecipato allo studio per verificare se la terapia ormonale durata solo due anni possa non aumentare il rischio che tale malattia si ripresenti.

Avrei voluto che le cose andassero in modo diverso ,ma non tutto si può scegliere nella vita .L’unica scelta e’ andare avanti ,aspettare e nn perdere la speranza Non si molla un cazzo 💪🏽😁ora vado a fare una bella crostata integrale con cioccolata biologica x Ale e mi godo ogni singolo momento di serenità con le persone che mi vogliono bene .. la felicità la crei tu stesso …Buon sabato a tutti vi voglio bene ❤️”

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Uccide il vicino dopo una lite condominiale a Parete, fermato l’aggressore

Una lite condominiale è finita in tragedia a Parete, nel Casertano. Secondo quanto accertato dai carabinieri della Compagnia di...

Nella stessa categoria