9.6 C
Napoli
lunedì, Gennaio 17, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Giugliano. Consiglio comunale sul litorale, tutti d’accordo ma non lo sanno


Tutti d’accordo sulla possibilità di tenere un consiglio comunale sulla fascia costiera, ma nessuno sembra saperlo. Il tema oramai va avanti da tempo, la questione è stata anche affrontata, o meglio sfiorata, in riunione di capigruppo ma nonostante il placet di maggioranza ed opposizione ad oggi non è stata mai convocata una seduta sul litorale. Ad annunciarne la possibilità fu, nel 2015, poco dopo il suo insediamento, lo stesso sindaco Antonio Poziello in un’intervista rilasciata ad InterNapoli.it. Tuttavia, da allora, quella promessa è rimasta tale. Abbiamo così ascoltato chi vive sia fisicamente che politicamente la zona di Varcaturo, Licola e Lago Patria con più assiduità e che ne rappresenta le istanze in Assise.

Per il consigliere pentastellato Vincenzo Risso non è un problema logistico, slogan spesso usato dalla maggioranza. «Per la scelta della sede, il trasferimento e il montaggio della strumentazione audio (e video) non c’è mai stato alcun problema. Nel recente passato, abbiamo avuto anche l’appoggio dei presidi di alcune scuole della fascia costiera». E allora perché non si è mai deciso di superare gli indugi? «Perché utilizzano la fascia costiera solo per le passarelle elettorali. Parlano di rilancio della fascia costiera ma, voglio dire, sono tre anni che rifiutano sistematicamente la mia proposta di tenere un consiglio comunale sul litorale». Non può essere solo questo: perché, allora? «Questa maggioranza reputa superfluo spostare un Consiglio comunale sul litorale, indipendentemente dalle tematiche inserite all’ordine del giorno».

consiglio comunale-giugliano-fascia costiera
Evidentemente, il Consiglio Comunale in fascia costiere qualche utilità l’avrebbe

Sulle stesse corde – di disappunto – sembra essere anche il consigliere di centrodestra Luigi Guarino, che ironicamente dichiara: «E che vengono a fare qui? Buona parte dell’Amministrazione è gravemente impreparata sulle tematiche che riguardano la fascia costiera. Io, qui, ci vivo da sempre. La mia famiglia vive qui da sempre. E, in tutta franchezza, credo che qualche consigliere di maggioranza potrebbe addirittura perdersi qualora decidesse di venire a vedere di persona cosa accade in fascia costiera». Guarino, insomma, non le manda a dire: «Non c’è volontà di dare seguito alle parole, soprattutto per quanto riguarda la fascia costiera. Molto probabilmente, si dà un peso differente alle due Giugliano. Potrebbe essere un segnale di avvicinamento e di presenza per la popolazione che, alcuni consiglieri di maggioranza, qui, non li ha mai visti».

consiglio comunale-giugliano-fasciacostiera
Lago Patria: in Consiglio Comunale si è discusso spesso su come valorizzare questo bene naturale – archivio

La replica dell’Amministrazione, sul Consiglio Comunale sul litorale

Sull’opportunità di avvicinare le “due Giugliano”, separate dall’indifferenza, portando la macchina politica-amministrativa in fascia costiera, è d’accordo l’assessore Carla Rimoli. «Sono pienamente d’accordo con chi propone di tenere un Consiglio comunale sul litorale. Anche se penso che il problema maggiore possa essere rappresentato dall’organizzazione logistica dell’aula consiliare». «L’Amministrazione è presente in fascia costiera, contrariamente a quanto si pensa. La città costiera è certamente più curata e meglio gestita rispetto al passato, penso sia innegabile. Magari, se abbiamo ereditato una situazione catastrofica, dovrebbe farsi due domande chi l’ha amministrata prima di noi». La Rimoli sottolinea gli sforzi dell’Amministrazione Poziello anche sotto il punto di vista delle risorse. Ricordando la promessa fatta dal sindaco in campagna elettorale, ovvero destinare almeno il 60% del bilancio comunale per l’area del litorale, l’assessore rilancia: «Siamo arrivati al 68% di investimenti. Siamo intervenuti per far fronte all’emergenza allagamenti, oltre ad aver stilato un protocollo operativo col Consorzio di Bonifica. Inoltre, abbiamo rispolverato e aggiornato il vecchio piano abbattimenti per poter intervenire, in breve tempo, a tutela dell’area archeologica dove insiste la Tomba di Scipione».

Sul motivo per cui fino ad oggi non si è tenuto un Consiglio comunale in fascia costiera parla anche Luigi Sequino, presidente dell’Assise. «Penso possa essere solo un’iniziativa positiva, sia per la politica cittadina che per la cittadinanza. Ma, voglio sottolinearlo, bisogna rispettare le regole. Sarebbe giusto farlo quando all’ordine del giorno ci sono  questioni legate alla fascia costiera. Al di là delle responsabilità che ognuno deve assumersi, c’è un grosso handicap che quest’Amministrazione deve colmare. Parlo della carenza di personale. Lei sa che il Comune di Pozzuoli, virtuoso, ha circa 1000 dipendenti mentre Giugliano, che arranca, ne ha circa 300?». Emblematico, Sequino, apre uno squarcio sull’handicap in termini di ricorse della macchina comunale che va ad incidere giocoforza anche sull’organizzazione ed il corretto funzionamento dei servizi.

A conti fatti, rileggendo le dichiarazioni, sfumature a parte, tutti sono propensi a tenere una seduta consiliare in fascia costiera e, soprattutto, ad avvicinare le due città – centro e litorale. A questo punto cosa si aspetta ad accantonare i dissidi e a passare alle vie di fatto? “Volere è potere“, si direbbe.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Da oggi la Campania è zona gialla, le regole per green pass e attività commerciali

Da oggi la Campania sarà zona gialla e Valle D'Aosta in arancione. La notizia è stata commentata dal presidente della...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria