Coronavirus a Barcellona, uomo risultato positivo al tampone: era tornato da un viaggio in Italia

Coronavirus, a Tenerife ieri era risultato positivo un medico di Piacenza in vacanza, oggi i test hanno confermato che anche la moglie è stata contagiata. Tutti gli ospiti e i dipendenti dell’hotel sono stati messi in quarantena, mille persone sono isolate e “prigioniere”. Una donna italiana di 36 anni è risultata positiva a Barcellona, dove abita. Tornava da un viaggio nel nord Italia. Sotto osservazione anche un altro italiano in Catalonia, si attende l’esito dell’ultimo test. Tre tifosi del Valencia, tornati dalla trasferta a Milano per la partita di Champions con l’Atalanta, sono stati messi in quarantena nella città spagnola.

Coronavirus, il governo spagnolo ha chiesto alla popolazione di affrontare con tranquillità la crisi e ha assicurato che agirà con «moderazione, proporzionalità e trasparenza» offrendo ai cittadini informazioni mediche e tecniche corrette in ogni momento. L’allarme cresce, però, alla notizia del primo caso di Barcellona. Lo scrive la Vanguardia. Si tratta del quarto caso di Covid-19 confermato in Spagna dopo i due segnalati alle Canarie e uno a Maiorca, tutti stranieri.

Attivato il protocollo sanitario per l’uomo che, residente a Barcellona, aveva viaggiato negli ultimi giorni nel nord Italia. Il National Center for Microbiology eseguirà il secondo test di conferma nelle prossime ore.  Il primo caso di coronavirus, rilevato sull’isola di La Gomera, è stato confermato il primo febbraio. Si tratta di un cittadino tedesco che era stato in contatto, in Baviera, con un collega che a sua volta era stato infettato da un dipendente che aveva contratto il virus a Wuhan. Il tedesco è stato isolato presso l’Ospedale Nuestra Se¤ora de Guadalupe di La Gomera (Canarie) mentre diverse persone sono state messe sotto osservazione, anche se non manifestavano i sintomi del virus. A Palma di Maiorca, invece, il secondo caso è stato confermato il 10 febbraio.