12.9 C
Napoli
sabato, Dicembre 4, 2021
- Pubblicità -

Coronavirus. A Napoli estubati due pazienti trattati con Tocilizumab: il farmaco fa ben sperare


Giungono buone notizie dall’ospedale Cotugno di Napoli, in prima linea per la lotta al nuovo coronavirus in Campania e non solo. I primi risultati in seguito alla somministrazione del Tocilizumab sarebbero già visibili su due dei cinque pazienti trattati con il nuovo metodo sperimentale nato dall’intuizione del professor Ascierto e dalla collaborazione con i medici cinesi che per primi hanno provato questo protocollo su alcuni pazienti. Secondo quanto si apprende, infatti, due pazienti sarebbero già stati estubati e si starebbe decidendo in merito alla possibilità di trasferirli nel reparto di terapia subintensiva del nosocomio dei Colli.

E’ partita stamattina all’Istituto nazionale tumori “Pascale” di Napoli la sperimentazione clinica del Tocilizumab, il farmaco finora usato nell’artrite reumatoide e che ha dato miglioramenti nel trattamento della polmonite che complica l’infezione da Covid 19. Una complicanza temuta che si spera possa essere resa meno grave grazie al farmaco, riducendo la letalità della malattia. Si lavorerà secondo il protocollo approvato in tempi record da Aifa e dal Comitato etico in sinergia tra ricercatori e istituzioni di tutta Italia, dall’Università di Modena allo Spallanzani di Roma. Il gruppo, coordinato dall’equipe di Franco Perrone, oncologo del Pascale come l’altro oncologo, Paolo Ascierto, “primo in Italia – ricorda una nota – ad avere avuto l’intuizione di trattare il farmaco off label”, si muoverà su una piattaforma informatica dove vengono raccolti i dati di tutti i pazienti degli ospedali italiani che verranno trattati con il farmaco. I centri si iscriveranno con una procedura di qualche minuto, via internet, e potranno registrare pazienti da trattare nelle prossime ore e giorni. Sempre tramite la piattaforma partiranno due volte al giorno gli ordini per il farmaco, che la casa farmaceutica Roche, che lo produce, spedirà direttamente alle farmacie dei centri. Ci vorranno mediamente 24 ore per il trasporto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

É un dentista l’uomo che voleva vaccinarsi con il braccio di silicone, la protesi comprata online

Guido Russo, 57 anni, dentista che si era presentato col braccio in silicone per ottenere il Green pass senza vaccinarsi, non nascondeva certamente le...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria