Si teme l’insorgenza di un focolaio covid a Rotondi, provincia avellinese a confine con il territorio del beneventano. Sono 80 le persone poste in isolamento fiduciario dopo un funerale che ha visto la numerosa partecipazione della comunità locale. La madre del defunto, secondo quanto appurato tramite tampone, è risultata positiva al covid facendo scattare l’allarme. La donna, secondo quanto si apprende, presentava già sintomi prima della morte del figlio, ma il medico curante non ha ritenuto necessario un tampone. Quando la donna, invece, al persistere dei sintomi ha deciso di verificare se fosse positiva, era ormai troppo tardi. L’anziana donna è risultata positiva al covid. Posti in isolamento fiduciario i partecipanti al rito funebre, compreso il sacerdote.

Una volta giunta la notizia della positività della donna il sindaco di Rotondi ha avviato il tracciamento degli ultimi contatti. Il funerale del figlio dell’anziana è considerato una potenziale “miccia” capace di accendere un focolaio di contagio. L’irpinia nella scorsa primavera è stata una delle zone più critiche della Campania. In questa seconda ondata le comunità avellinesi sono riuscite a contenere il contagio. La paura che possa scoppiare un nuovo focolaio è alta. La donna, nelle concitate ore dei funerali, ha incontrato diverse persone a stretto contatto. Tra pochi giorni, dopo uno screening sugli 80 partecipanti al funerale, si saprà se vi è stato un contagio di massa.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.