Denise Pipitone Chi l'ha visto
Denise Pipitone il caso a Chi l'ha visto

Una nuova puntata di Chi l’ha visto? andrà in onda nella serata del 21 aprile 2021 su Rai 3 sul caso di Denise Pipitone. Stando a quanto appreso dal sito ufficiale della trasmissione, sono trapelate delle intercettazioni inedite riguardanti la prima fase della scomparsa di Denise Pipitone. La piccola è stata rapita orientativamente tra le 11.35 e le 11.45 del 1° settembre 2004, mentre stava giocando fuori dalla casa della propria nonna..

Scomparsa Denise Pipitone, intercettazioni inedite a Chi l’ha visto

Sono state rinvenute, come si evince dall’anteprima del programma, delle intercettazioni telefoniche sospette riguardanti la signora Anna Corona con terze persone. Come ricordiamo, Denise Pipitone è frutto di una relazione extraconiugale tra i suoi genitori, Piera Maggio e Piero Pulizzi, quest’ultimo sposato all’epoca proprio con la Corona. Torna, dunque, l’ipotesi della pista privata, con movente indotto da sentimenti di gelosia e vendetta?

“Verità per Denise”. Lo striscione al palazzo vescovile di Mazara

“Verità per Denise”: è questa la frase scritta sullo striscione di 8 metri  esposto  al balcone del palazzo vescovile di piazza della Repubblica a Mazara del Vallo. Nello striscione di pvc compare anche il logo della Diocesi e la foto della piccola Denise Pipitone, scomparsa il 1° settembre 2004. Il Vescovo monsignor Domenico Mogavero ha raccolto subito l’appello dell’associazione “Arco” di Marsala che ha invitato tutti – enti pubblici, associazioni e privati cittadini – a esporre un cartello con la frase “Verità per Denise”.

«Sta emergendo che Denise e i suoi familiari sono travolti da un’ondata malefica e colpevole di bugie, omissioni, omertà e silenzi. È ora di fermare e spazzare via questi veleni e di chiedere tutti uniti e ad alta voce: ridateci Denise», ha detto il Vescovo Mogavero. Domenica Piera Maggio e Pietro Pulizzi hanno incontrato i giovani seminaristi guidati da don Davide Chirco.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.