25.3 C
Napoli
venerdì, Maggio 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

In lista d’attesa per un tumore, la donna chiamata dal Monaldi arriva dopo 6 anni


Era in lista d’attesta per un tumore, ma è stata convocato dopo sei anni. Questo è quanto accade all’ospedale Monaldi, dove sono scattate le procedure di pulizia delle vecchie liste di attesta, da tempo ferme a causa del Covid. Una donna di 85 anni anni, in lista di attesta, era segnata dal 2016. A riportare la notizia è Il Mattino.

Il racconto della figlia su Facebook

“Nel 2016 a mia madre fu diagnosticato un carcinoma al polmone  e diedi il mio numero come riferimento. Nei giorni scorsi ho avuto una telefonata da un numero di rete fissa. Volevano sapere se mia madre avesse ancora bisogno dell’intervento. Ho pensato ad uno scherzo, poi visti i troppi dettagli conosciuti dal mio interlocutore ho capito che si trattava di una chiamata vera. Mi hanno informata del fatto che stavano scorrendo tutte le vecchie liste di attesa.

Mia madre aveva all’epoca 79 anni, fece una prima biopsia ma non ricordo dove. Poi ci rivolgemmo alla pneumologia del Monaldi e da qui alla Chirurgia toracica per valutare l’asportazione di quella lesione. In realtà ad una successiva rivalutazione mia madre risultò inoperabile ed è stata in questi anni curata con la radioterapia”.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Pirozzi
Alessandro Pirozzi
Mi presento: mi chiamo Alessandro Pirozzi, sono nato a Napoli ed ho 23 anni. Sono iscritto all'albo dei giornalisti dal 2019 ed amo profondamente la comunicazione, specie quella digitale. Dopo essermi diplomato in un istituto alberghiero, ho iniziato a 18 anni il mio percorso lavorativo con InterNapoli.it nel 2016, collaborando anche in qualità di freelancer con diverse testate digitali come Blasting News. Ho scritto per 'Cronache di Spogliatoio', giornale sportivo online, e per la testata locale AbbiAbbè.it.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Ras ucciso per un sospetto, ergastolo confermato per gli Abete-Abbinante

Un sospetto. Un semplice sospetto. Bastava poco per morire nella Secondigliano dilaniata dalle faide di camorra. E’ questo l’incipit...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria