Elezioni Mugnano. Superata la metà dei votanti, urne aperte anche domani

Secondo la rilevazione delle ore 23 sull’affluenza, il 52,47% dei mugnanesi si è recato nei seggi elettorali. Gli elettori sono chiamati alle urne anche domani dalle 7 alle 15. Tutti i campani aventi diritto al voto saranno consegnate due schede: una per il Referendum ed per una per la Regione. Inoltre i mugnanesi saranno chiamati a rinnovare gli organi amministrativi, quindi le schede saranno tre. Gli scrutini delle elezioni amministrative cominceranno alle ore 9 di martedì 22 settembre.

I DOCUMENTI UTILI PER VOTARE

I documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie. Carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione, anche se scaduto, purché sia sotto ogni altro aspetto regolare ad assicuri l’identificazione dell’elettore. Tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare. Tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

IL VOTO AL TEMPO DEL COVID

Accessi contingentati agli edifici che ospitano i seggi, percorsi distinti di entrata e di uscita, distanziamento tra i componenti del seggio e tra questi e gli elettori, definizione del numero e della disposizione delle cabine elettorali tenendo conto dello spazio disponibile e delle necessità di movimento.

Sono alcune delle misure di prevenzione previste da un Protocollo Salute-Interno varato in occasione delle consultazioni elettorali e referendarie del 20 e 21 settembre. Per accedere ai seggi elettorali è obbligatorio l’uso della mascherina da parte di chiunque.

“Per prevenire il rischio di contagio da Covid-19 e, contemporaneamente, garantire il regolare svolgimento del procedimento elettorale, i ministri dell’Interno e della Salute – sottolinea il Viminale – hanno sottoscritto un protocollo sanitario e di sicurezza da applicare in occasione delle consultazioni referendarie e delle elettive suppletive, regionali e comunali del 20 e del 21 settembre 2020”.

Il documento, che può essere consultato sul sito del dipartimento Affari interni e territoriali-Servizi elettorali. Questo prevede le modalità operative e precauzionali rivolte ai componenti dei seggi e agli oltre 51 milioni di elettori distribuiti in 61.572 sezioni. Ciò “al fine di contemperare i diritti costituzionalmente garantiti del voto e della salute”.

L’ACCESSO AI SEGGI

Tra le misure per l’allestimento e l’ingresso ai seggi, sono previsti, come detto, “accessi contingentati agli edifici che li ospitano, percorsi distinti di entrata e di uscita, distanziamento tra i componenti del seggio e tra questi e gli elettori. In particolare nel momento in cui questi devono rimuovere la mascherina per il riconoscimento, definizione del numero e della disposizione delle cabine elettorali, tenendo conto dello spazio disponibile e delle necessità di movimento.

Per accedere ai seggi elettorali è obbligatorio l’uso della mascherina da parte degli elettori e di ogni altro soggetto che ha diritto ad entrarvi, come i rappresentanti di lista”.
Il protocollo, inviato ai prefetti dal capo del dipartimento, Claudio Sgaraglia, contiene anche le indicazioni sulla igienizzazione dei luoghi e delle operazioni di spoglio.