Estorsione e minacce a mamma e sorella: le due donne minacciate con un coltello

Minacce e violenze. Offese e aggressioni fisiche. Quella con L.M., 26enne di Pannarano, era diventata una vita impossibile per la sorella e la mamma. Tanto da spingere quest’ultima a denunciare il proprio figlio l’anno scorso. Da settembre del 2018 i carabinieri di Montesarchio hanno accertato una serie di comportamenti violenti sistematici che le due donne subivano a causa dell’uomo che chiedeva soldi per procurarsi stupefacenti e alcolici. Aveva intimato la madre con un coltello facendosi consegnare denaro, oggetti d’oro, una carta Postepay, mentre dalla sorella si era fatto consegnare un tablet.

A febbraio scorso l’uomo aveva picchiato la madre: le aveva stretto le mani al collo, l’aveva strattonata per un braccio, gettata sul divano e colpita con calci alle gambe provocandole lesioni guaribili in tre giorni. Il gip, valutando le indagini condotte dai carabinieri e coordinate dalla procura della Repubblica, ha ritenuto sussistenti le esigenze cautelari. Per l’uomo si sono aperte le porte della casa circondariale di Benevento. Dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali aggravate.