Dramma in casa, litiga con la fidanzata e sfonda la porta con un calcio: Giorgio muore dissanguato

Ha sfondato con un calcio il vetro di una porta di casa, a quanto risulta durante una lite con la fidanzata convivente, e un frammento di vetro gli ha accidentalmente reciso un grosso vaso sanguigno della gamba. È morto così, dissanguato,Giorgio Simone di 28 anni a Piacenza. L’episodio è avvenuto in un’abitazione vicino a Rivergaro, in Valtrebbia, dove sono accorsi i sanitari del 118. Il 28enne è morto poco dopo il trasporto d’urgenza all’ospedale di Piacenza.

Il giovane era originario di Montesano Salentino, in provincia di Lecce, e di professione era operatore socio sanitario. La fidanzata, infermiera, ha fatto di tutto per salvarlo ma non ce l’ha fatta.

Sul corpo del giovane è stata disposta l’autopsia. La procura della Repubblica di Piacenza ha conferito l’incarico al medico legale per accertare con precisione la causa della morte, e ha aperto un fascicolo di indagine per atti relativi, al momento senza alcun iscritto nel registro degli indagati e senza ipotesi di reato.

La ragazza è rimasta sotto choc.