Guerra a Miano, la nuova faida iniziata con l’omicidio di Stefano Bocchetti ‘Mniell’

E’ stato l’omicidio di Salvatore Bocchetti ‘Mniell’ ad innescare la nuova faida di Miano. Guerra che l’altra sera ha portato prima ad una stesa in via Vittorio Veneto e poi alla morte di Alessandro Riso, 28enne ritenuto vicino al gruppo Cifrone (leggi la notizia riportata in anteprima da Internapoli). Quest’ultimo sarebbe attivo nella ‘parte alta’ di Miano e sarebbe contrapposto agli ultimi irriducibili di ‘Abbasc Miano’, espressione del triumvirato Balzano-D’Errico-Scarpellini. Una situazione di divisione del territorio cristallizzatasi negli ultimi anni (leggi qui) ma sfociata in guerra vera e propria solo negli ultimi dodici mesi (leggi qui l’articolo).

Prima dell’omicidio Bocchetti un altro fallito agguato

Per gli inquirenti le nuove rivalità tra le due ‘anime’ criminali della zona avrebbe raggiunto il proprio zenit proprio con l’omicidio dello scorso gennaio. Bocchetti, componenti del gruppo di ‘Abbasc Miano’ era stato tra gli autori del raid incendiario contro l’abitazione dei parenti di Luigi Cifrone. A quel gesto era seguito un fallito agguato a Giovanni Borriello (arrestato insieme agli altri ras di Abbasc Miano nel maxi blitz dello scorso febbraio). Almeno fino all’omicidio di via Valente. A partire da quell’episodio sarebbe stata dichiarata una vera e propria guerra. Le ultime ordinanza di custodia cautelare e la raffica di pentimenti che ha interessato i gruppi criminali di Miano forniscono inoltre un quadro più nitido dello scacchiere criminale. Un quadro caratterizzato dall’indebolimento dei Lo Russo e della formazione di tanti sottogruppi che, in diverse fasi, hanno tentato la scalata al potere nel quartiere. Con la disarticolazione del gruppo di ‘Abbasc Miano’ i ‘vincitori’ sembravano essere quelle famiglie che hanno la loro roccaforte tra via Janfolla e via Vittorio Veneto. La nuova ondata di violenza dimostra invece che il quadro è tutto in divenire.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK