Resta in carcere Salvatore De Martino, indicato come il reggente dell’omonimo gruppo del rione Fiat di Ponticelli soprannominato ‘Xx’. Il gip Fabio Provvisier pur non convalidando il fermo del giovane ha disposto per lui la misura del carcere. La mancata convalida è dovuta all’insussistenza di gravi pericoli di fuga. Insieme a De Martino restano dietro le sbarre Patrizia Di Natale, Francesco Pignatiello e Maria Pignatiello. Per Fortuna Montagna il gip ha disposto invece gli arresti domiciliari mentre per Pasquale Pignatiello la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Rigettata la richiesta per Raffaele Straiano (già detenuto per altro). I sei erano stati raggiunti da decreto di fermo (leggi qui l’articolo) per estorsione aggravata per aver minacciato e picchiato una pusher di Cercola intimandole di consegnare i proventi derivanti dall’illecita attività della piazza di spaccio che gestiva minacciandola di passare dalla loro parte ‘abbandonando’ i nemici dei De Luca Bossa cui la donna era all’epoca referente. Nel corso di un’analoga operazione sono stati fermati anche i vertici del gruppo rivale del lotto 0 tra cui Luigi Austero detto Ginetto.

L’articolo precedente: scacco ai De Luca Bossa e Casella

“Se non fai come ti abbiamo detto io ti sparo nelle ginocchia”. Sono queste le minacce proferite dai De Luca Bossa e dai Casella ad un parcheggiatore abusivo presso l’ospedale del Mare di Ponticelli. I particolari sono contenuti in uno dei due decreti di fermo  per estorsione aggravata (l’altro interessa i ‘rivali’ dei De Martino ‘XX’) eseguiti dagli uomini della squadra mobile nei confronti dei ras del lotto 0. Tra i destinatari anche Luigi Austero detto Ginetto, indicato come reggente del gruppo e già detenuto per le bombe che hanno scosso nei mesi scorsi il quartiere. È il novembre dello scorso anno quando Christian Youssef Hathroubi intima al parcheggiatore abusivo di seguirlo presso il lotto 0 spiegando che quelli de suo gruppo lo vogliono parlare. L’uomo, quello stesso giorno viene portato al cospetto dello stesso Austero, di Nicola Aulisio, di Giovanni Mignano e di Giovanni Rinaldi. Austero, presentandosi come Ginetto, gli dice “Allora devi darci 150 euro a settimana se vuoi continuare a lavorare fuori all’ospedale del mare”. Al rifiuto della vittima lo stesso si appropriava di 35 euro minacciandolo: “Se domani ti fai vedere ancora in giro ti sparo nelle ginocchia”. A confermarlo lo stesso uomo in sede di denuncia.

Il profilo di Austero tracciato dal pentito

Rosario Rolletta, ex ras prima dei De Micco e poi dei De Martino XX’ ha deciso di collaborare con la giustizia dopo aver subito un agguato lo scorso novembre. In uno dei primi verbali è tornato su quegli attimi drammatici facendo nomi e cognomi dei presunti autori del suo raid. Tra questi Nicola Aulisio e Giuseppe Righetto ‘o blob, i primi arrestati per la guerra che da mesi sta imperversando su Ponticelli (leggi qui l’articolo). Oltre a loro Rolletta ha indicato, tra i componenti del commando, anche Luigi Austero, il famigerato ‘Ginetto’ indicato come uno degli attuali reggenti dei De Luca Bossa e arrestato per la bomba di via Esopo (leggi qui l’articolo).

Il racconto di Rolletta: c’era anche Austero quella sera

«Dopo l’agguato ad Alì (Luigi Aulisio) si sparse la voce che potevo essere stato io uno degli autori del fatto perché quel giorno la Polizia mi fece un controllo in serata e non mi trovò a casa perché io ero fuori a festeggiare. Proprio per questo motivo ho subito un agguato. A spararmi furono Peppe ‘o blob, Nicola il figlio di Alì e Gigino Austero che viaggiavano a bordo di una Panda grigia da cui partirono i colpi. Insieme alla panda grigia vi era un’altra auto, sempre una Fiat Panda ma di colore rosso che tentava di bloccare la mia vettura, a bordo di questo veicolo vi era Luchetto e (…).  In macchina al momento dell’agguato ero da solo. Mi hanno sparato sotto al ponte di Caravita dopo che mi hanno inseguito. L’inseguimento iniziò sotto casa mia e ricordo che furono sparati circa 12 colpi da Peppe ‘o blob che sedeva sul sedile passeggero anteriore. Ho saputo che nel momento in cui il clan De Martino ha fatto un’alleanza con il clan Casella-De Luca Bossa è stato riferito da esponenti dei De Martino che ero stato io a sparare ad Alì e che come “prezzo” dell’accordo loro mi avrebbero ammazzato».

Il particolare fisico

In un passaggio Rolletta si concentra sulla figura di Austero ricordando di essere sicuro della sua presenza quella notte da un particolare fisico:«Dietro c’era Gigino Austero, nonostante i tre avessero volto semi coperto. Prima di quel giorno non l’avevo mai visto. Quando descrissi il soggetto a (….) mi disse che era sicuramente Luigi Austero in quanto ha la fronte molto sporgente». Dichiarazioni che adesso necessiteranno delle ulteriori verifiche da parte degli investigatori.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.