«I vicini mi costringevano a prostituire». La storia choc raccontata da una 28enne

L’incubo per Regina, 28enne di Albano Laziale, durava da mesi quando la notte del 3 luglio la polizia ha fatto irruzione nel suo appartamento e l’ha trovata piena di lividi e ustioni. Era sotto choc e confusa. Chi l’ha Visto? ripercorre la vicenda e racconta che una volta in ospedale la ragazza ha spiegato di essere stata picchiata a sangue da due estracomunitari. Una versione indotta dalla paura. Quindici giorni dopo, gli inquirenti hanno arrestato i vicini di casa, tra cui la sua migliore amica Roberta, la stessa che ai microfoni di Chi l’ha Visto? aveva accusato la nonna di Regina.

 

«Io non mi fermo qui, per me è come una sorella», le parole di Roberta subito dopo l’aggressione. Regina era in balia di Roberta, di sua madre e del suo fidanzato. E proprio quest’ultimo la picchiava pesantemente ogni volta che non riusciva a dare ai suoi aguzzini 800 euro al mese. «Quando non arrivavo alla cifra lui mi picchiava e poi mi obbligava ogni mattina a comprare ciambelle e cibi fritti per ingrassare». Con i lividi e i chili di troppo, però, i clienti non la volevano.

 

Il giorno in cui ha rischiato di morire, l’uomo era furioso: «Mi ha messo due stracci in bocca per non far sentire le urla e mi ha portato nello sgabuzzino, mi ha tirato giù i pantaloni e mi ha bruciato con un ferro da stiro rovente sui glutei e sulla schiena. Calci e pugni in volto, ferite con un coltello e un cucchiaio incandescente sulla fronte».  
La donna, infatti, presentava segni di percosse, lividi ed ecchimosi più o meno recenti, tagli da lama e bruciature in diverse ed estese parti del corpo.

Le due indagate avevano approfittato della sua vulnerabilità dopo la morte della madre. Tra Roberta e Regina c’era  una relazione di dipendenza psicologica. Con l’uomo, entrato nelle loro vite due mesi fa – riporta Leggo – la violenza era diventata  sistematica.