La morte non ferma l’odio, insulti e ironia su Nadia Toffa: vergogna sul web

nadia toffa

 

Insulti, odio, ironia: nemmeno davanti alla morte c’è rispetto di Nadia Toffa. Poche ore dopo la notizia del suo decesso, in rete sono comparsi dei messaggi squallidi. Già in passato la conduttrice delle Iene era stata spesso presa di mira dagli haters che la rimproveravano di spettacolarizzare la sua malattia. E adesso che non c’è più gli haters continuano a imbrattare il web.

A smascherarli stavolta è l’agenzia funebre Taffo, celebre per le sue campagne dissacranti. «Qualcuno ha utilizzato il nostro nome per pubblicare post meschini sulla morte di Nadia Toffa – scrivono sul loro profilo  Facebook – Non è opera nostra, seguiranno denunce». Poi compare il viso sorridente di Nadia, e quella frase da far rabbrividire: «Vendo protesi odontoiatrica in ceramica causa cessata attività, no perditempo. Citofonare Taffo». La Taffo pubblica screenshot con nomi e cognomi. C’è anche l’immagine di Nadia e la scritta. «Benvenuta in famiglia. Nadia Taffo».
I post vengono condivisi e ricondivisi in alcuni gruppi, alcuni commentano scherzandoci su, ma  fortunatamente è maggiore lo sdegno: «E’ una vergogna», «Questo odio deve finire».

 

Stanno usando il nostro nome per post meschini circa la morte di #NadiaToffa. Non è opera nostra, seguiranno denunce.

Publiée par Taffo Funeral Services sur Mardi 13 août 2019

 

Gli insulti a Nadia Toffa

Tempo fa la Toffa venne attaccata per aver definito il cancro «un dono», tanto che la stessa conduttrice aveva dovuto poi spiegare: «Intendevo dire che la malattia può essere un’opportunità per diventare più forte, senza farsi condizionare come ho fatto io. E se ce l’ho fatta io, possono riuscirci tutti. Io non gli auguro un cancro perché so cosa vuol dire e amo la vita di tutti. Se Dio l’ha messo al mondo, forse qualcosa di buono dovrà fare: siamo in attesa, illuminaci presto».  

 

Ovunque Nadia Toffa si trovi ora, lei risponderà a queste infamie con il suo sorriso che l’ha accompagnata sempre durante questa sua lunghissima battaglia. Molti haters che l’hanno presa di mira in vita e anche dopo la notizia della sua morte che ha lacerato il cuore dei suoi familiari, dei suoi colleghi e della miriade di suoi fan.

In molti, commentando le varie notizie riportate dai quotidiani online, hanno ironizzato sulla sua lotto contro il tumore.. «A proposito di chi va dicendo che il cancro si vince lottando», scrive un aitante leone da tastiera.

 

Dopo la prima operazione, successiva al malore accusato in un albergo di Trieste, Nadia Toffa aveva fatto il suo ritorno in tv molto presto, dopo pochi mesi. Questo aveva scatenato ancora una volta i velenosi commenti degli haters sul web, che sostenevano che Nadia Toffa non fosse realmente malata e che volesse solo farsi pubblicità. Anche in tempi più recenti, all’inizio di quest’anno, erano piovute critiche disumane. Nadia Toffa, come di consueto, aggiornava i suoi follower sul decorso della malattia e sulla necessità di tornare a fare la chemioterapia. Un hater, in quell’occasione, l’aveva attaccata così: «Hai rotto, sai quante persone muoiono di cancro ogni giorno? Tienitelo per te». La conduttrice aveva però risposto subito: «Questo è il tuo rispetto per chi è malato e soffre? Spero tu non sia genitore o educatore. Che paura fai. Scusami se ho il cancro. Mea culpa».

“A tutti voi che in passato avete lasciato messaggi orrendi sotto le foto di Nadia: se potete, chiedete perdono”. E’ un passaggio della story che Elena Santarelli ha pubblicato su Instagram dopo la scomparsa di Nadia Toffa, la conduttrice delle Iene deceduta dopo una lunga malattia.

 

 

 

“Cara Nadia hai avuto sempre cura di sapere di Jack”, scrive la Santarelli riferendosi alla vicenda che ha coinvolto suo figlio. Sei sempre stata positiva, quelle volte che riuscivo a sentirti, in silenzio hai sostenuto il progetto Heal e chissà quante altre associazioni. Il mio pensiero va alla tua mamma e al tuo papà e a tutta la tua famiglia”.