Juve-Napoli vietata ai tifosi campani, esplode la rabbia sul web: “Questo è razzismo, vergogna”

Ha del clamoroso ciò che si legge sul sito ufficiale della Juventus a proposito della vendita dei biglietti. Come riportato da Repubblica, che pubblica lo screen del sito bianconero, la vendita dei biglietti per Juventus-Napoli è vietata non solo ai residenti in Campania, come da prassi, ma anche a chi è nato nella Regione campana. La Juventus – si legge sul quotidiano – ha spiegato che è stata una misura concordata con Questura e Osservatorio: una sorta di prevenzione in attesa che l’Osservatorio dirami le proprie disposizioni.

“Con riferimento alla notizia apparsa oggi su alcuni organi di stampa, secondo la quale la Questura di Torino avrebbe concordato il divieto di vendita dei tagliandi per la partita Juve – Napoli a chi è nato in Campania, si comunica ufficialmente che tale notizia è del tutto destituita di ogni fondamento. La Questura di Torino non ha mai concordato tale decisione con la società sportiva né intende condividerla”.   È la nota pubblicata dalla Questura di Torino che si dissocia dall’avviso pubblicato dal sito ufficiale della Juventus. L’annuncio, quindi, sarebbe scaturito in autonomia dal club bianconero.

La reazione dei tifosi

Sui social è inevitabilmente scoppiata la protesta contro il provvedimento preso dalla società bianconera che penalizza non solo i tifosi azzurri, ma anche i tanti supporter juventini residenti in Campania che per una presa di posizione della società non potranno seguire la propria squadra del cuore a Torino.

“Ecco. Questo è il momento preciso in cui la semplice (!) discriminazione territoriale diventa razzismo vero e proprio. Mi chiedo come debbano sentirsi i tifosi di questa squadra nati nella regione Campania, reietti e discriminati, ai quali viene impedito di vedere nel proprio stadio d’elezione una delle partite più importanti dell’anno. Complimenti” scrive in un post su Facebook Maurizio De Giovanni, noto scrittore e tifoso napoletano.

Tantissimi i commenti sotto di chi, incredulo, scrive: “Questa è intolleranza razziale. Mi vergogno io per chi ha anche solo pensato a una soluzione del genere. Che paesello meschino. Del quale, naturalmente, faccio sempre meno parte”. Duro anche il commento di un tifoso della Juve, che scrive: “Decisione stupida presa certamente da qualche mentecatto.. detto da juventino storico. È il segno distintivo del tempo razzista che viviamo. Vergogna”.

Tra i tanti commenti sparsi nei social, ad ogni modo, c’è anche chi sdrammatizza e chi, invece, pretende un comunicato della società volto a fare chiarezza sulla questione.