Laura Pausini controcorrente sulla morte di Diego Armando Maradona. La cantante romagnola, infatti, ha sottolineato come la scomparsa dell’ex fuoriclasse argentino abbia completamente oscurato una giornata dalla forte valenza simbolica come quella di ieri, 25 novembre.

Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’Italia ha vissuto altri femminicidi. Se ne è parlato per poco, solo prima che la notizia della morte di uno dei calciatori più forti di sempre sconvolgesse l’Italia e il mondo. Laura Pausini critica duramente la celebrazione mediatica di Diego Armando Maradona e, commentando su Instagram la notizia della sua morte, spiega: «In Italia fa più notizia l’addio ad un uomo sicuramente bravissimo a giocare al pallone ma davvero poco apprezzabile per mille cose personali diventate pubbliche, piuttosto che l’addio a tante donne maltrattate, violentate, abusate. Oggi non sono la notizia più importante di questo Paese… nonostante stamattina ne abbia perse altre due. Non so davvero che pensare».

Il post di Laura Pausini nel giorno della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

“Le nostre case, che stiamo vivendo tutti come unico posto sicuro, per molte donne ora possono essere il più pericoloso del mondo. È una paura che nessuna donna al mondo merita di provare e sapere che durante il lockdown (proprio oggi altri due casi in Italia) il numero di donne vittime di violenza da parte dei loro conviventi sia aumentato, mi fa ancora più rabbia.
Questa giornata serve per incoraggiare tutte le donne (ma anche amici e parenti che conoscono la situazione) a denunciare sempre qualsiasi atto di violenza, abuso o stalking. Mettiamo al primo posto noi stesse e il rispetto della nostra dignità e dei nostri valori.
Diciamo STOP alla violenza sulle donne! Fatevi sentire forte!”.

Pubblicità