Maurizio Cerrato, nel riquadro il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione
Maurizio Cerrato, nel riquadro il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione

Aveva 61 anni Maurizio Cerrato, il 61enne incensurato assassinato ieri sera a Torre Annunziata a colpi di pugnale. Il sindaco della città Vincenzo Ascione, con un comunicato emanato questa mattina, ha proclamato lutto cittadino nel giorno dei funerali. “Condividiamo il devastante dolore che stanno provando in questi momenti e che proveranno per il resto della loro vita”, scrive il primo cittadino.

La dinamica

E’ accaduto in via IV Novembre. Secondo le prime indagini il 61enne sarebbe stato colpito con un pugnale. Inizialmente si era parlato di colpi alla testa con un cric. Portato d’urgenza all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, ma lì i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

L’uomo si è dato poi alla fuga ed è tuttora ricercato dalle forze di polizia. Le forze dell’ordine, tuttavia, sentiti i testimoni sembra che abbiano già individuato colui che si è macchiato di un omicidio per motivi che al momento sembrano futili. Acquisite anche le immagini dei sistemi di videosorveglianza per chiarire la dinamica del fatto e rintracciare chi ha colpito Maurizio Cerrato.

Il sindaco Ascione: «Lutto cittadino nei giorni del funerale di Maurizio Cerrato»

«Sono profondamente scosso e scioccato da quanto accaduto nella serata di ieri in via IV Novembreafferma il sindaco Vincenzo Ascione –. L’omicidio del nostro concittadino Maurizio Cerrato, e la violenza e l’efferatezza con le quali è stato perpetrato, fanno letteralmente accapponare la pelle.

Questo vile e brutale assassinio è l’ennesima ferita inferta ad una città che cerca faticosamente di risalire la china dopo decenni caratterizzati dalla presenza asfissiante della criminalità organizzata e da sanguinose faide tra clan camorristici rivali. Sono certo che le forze dell’ordine, che in queste ore sono impegnate senza sosta nelle indagini, sapranno assicurare alla giustizia nel più breve tempo possibile i responsabili di questo assurdo ed efferato delitto.

A nome dell’Amministrazione Comunale, esprimo profondo cordoglio ai familiari di Maurizio per la gravissima e assurda perdita che hanno subito. Siamo vicini a tutti loro, pronti ad offrire qualsiasi tipo di supporto e sostegno. Condividiamo il devastante dolore che stanno provando in questi momenti e che proveranno per il resto della loro vita.

Nel giorno dei funeraliconclude Ascione verrà proclamato il lutto cittadino».

«Mio padre è morto per difendere “la luce dei sui occhi”», parla la figlia di Maurizio Cerrato

“Mio padre è morto per difendere “la luce dei sui occhi”. La figlia di Maurizio Cerrato, il 61enne incensurato assassinato ieri sera a Torre Annunziata a colpi di pugnale, a spiegare sul suo profilo Facebook come è avvenuto il brutale omicidio. E’ accaduto in serata a via IV Novembre, a Torre Annunziata. Secondo le prime indagini Maurizio Cerrato sarebbe stato colpito con un pugnale. Inizialmente si era parlato di colpi alla testa con un cric. Portato d’urgenza all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, ma lì i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

L’uomo si è dato poi alla fuga ed è tuttora ricercato dalle forze di polizia. Le forze dell’ordine, tuttavia, sentiti i testimoni sembra che abbiano già individuato colui che si è macchiato di un omicidio per motivi che al momento sembrano futili. Acquisite anche le immagini dei sistemi di videosorveglianza per chiarire la dinamica del fatto e rintracciare chi ha colpito il 61enne.Maurizio Cerrato assassinato in un parcheggio.

Parla la figlia di Maurizio Cerrato

Sui social la figlia dell’uomo ha sottolineato che non si tratta di una lite: “È stato fatto un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi. Mio padre è stato pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare”.

I carabinieri della sezione operativa della compagnia di Torre Annunziata hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza e sono in corso indagini per chiarire la dinamica di quanto accaduto e rintracciare chi ha colpito a morte il 61enne.

Secondo una prima ricostruzione la figlia della vittima aveva litigato con l’assassino del padre, per una banale discussione relativa al parcheggio, all’interno del garage attivo nella zona. Ascoltando le urla Cerrato è intervenuto e da lì è scoppiato un alterco. Successivamente l’aggressore, armato di crick, ha colpito il 61enne alla testa. Per lui non c’è stato nulla da fare. I Carabinieri della sezione operativa della compagnia di Torre Annunziata hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza.

Le dediche sui social

“Amico mio, ti prometto che lotteremo finché tu non avrai GIUSTIZIA. Un abbraccio alle tue principesse”.
Non si può morire così! Buon viaggio maurizio condoglianze a tutta la famiglia soprattutto alle tue principesse così le chiamavi! — dispiaciuta. Una bravissima persona xche deve succedere ? Non ci posso credere Ci mancherai”.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.