Diede fuoco alla sua ex, condannato a 18 anni di carcere grazie allo sconto di pena

Mario D'Uonno

E’ stato condannato a 18 anni Mario D’Uonno, l’ex guardia giurata che il 4 febbraio 2019 diede fuoco, procurandole gravi ustioni, ad una donna con cui aveva avuto una breve relazione. La sentenza è stata letta questa sera in tribunale, a Vercelli, al termine del procedimento con rito abbreviato. Il giudice ha accolto la richiesta del pm, 27 anni, di cui 22 per il tentato omicidio, poi ridotti a 18 con lo sconto di un terzo della pena.

“Questa sentenza è esemplare e deve costituire un monito per tutti coloro che fanno violenza nei confronti delle donne – afferma l’avvocato Giuseppe Ruffier, difensore della donna – Dobbiamo riconoscere a questa donna una forza d’animo e un adattamento alla sofferenza unici: in quei 3-4 minuti in cui è stata avvolta delle fiamme ha perso 30 anni di vita, anticipando così l’invecchiamento del fisico”. Annuncia ricorso in appello, invece, il difensore dell’uomo, Enrico Faragona: “Ci aspettavamo le attenuanti generiche, il mio assistito non voleva dare fuoco alla vittima”.