Michele ed Emilio morti in un incidente nel Casertano, c’è un arresto per omicidio stradale

Svolta nelle indagini su un duplice omicidio stradale avvenuto lo scorso 25 ottobre a Santa Maria a Vico. Un giovane di 21 anni di San Felice a Cancello è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai carabinieri della compagnia di Maddaloni. Secondo le accuse il 21enne avrebbe provocato la morte di Michele Petrone ed Emilio Di Nuzzo, i due giovani di 29 e 27 anni morti  dopo drammatico incidente avvenuto nella serata dello scorso 25 ottobre sull’Appia a Santa Maria a Vico.

Uno schianto drammatico quello che vide protagonista una Audi A3 nera lanciata a folle velocità sull’Appia. Petrone, 29enne avvocato, morì sul colpo investito dall’auto mentre stava portando a passeggio il suo cane. Di Nuzzo invece, che viaggiava a bordo della vettura, morì dopo oltre un mese di ricovero all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta per la gravità delle ferite riportate.

I carabinieri hanno eseguito la misura emessa dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere agli arresti domiciliari nei confronti di G.P., 21enne di San Felice a Cancello, già denunciato a piede libero subito dopo l’incidente. Nell’auto viaggiavano, oltre a Di Nuzzo e G.P, altri due ragazzi di 25 e 22 anni, S.N. e V.E., che avevano riportato ferite non gravi nel sinistro.