Militanti di centrodestra, new entry e ritorni: la squadra di candidati al Consiglio a sostegno di Giuseppe Pietro Maisto

E’ la coalizione che vanta più partiti a livello nazionale quella di Giuseppe Pietro Maisto. E’ formata infatti dai 4 partiti di riferimento del centrodestra (Forza Italia, Udc, Lega e Fratelli d’Italia) e 4 liste civiche. Tante novità in Forza Italia dove c’è un unico consigliere uscente, ovvero Francesco Carlea, che cinque anni fa appoggiò Antonio Poziello salvo poi rassegnare le dimissioni un anno prima della fine del mandato. La new entry è Alfonso Sequino, figlio dell’ex presidente dell’Assise Umberto Sequino, e cugino sia dell’ex presidente dell’Assise Luigi Sequino sia dell’omonimo Alfonso Sequino, in lizza con Maisto per la leadership del centrodestra. Dopo la decisione di puntare su Maisto, Sequino ha detto addio al partito di Forza Italia ma ha fatto sapere sui social di essere impegnato politicamente per far vincere la coalizione di centrodestra.

Poi ci sono all’interno della lista del partito di Berlusconi altri volti noti come: Marco Di Vaio, storico esponente della fascia costiera, il giovane avvocato Valerio Basile, nipote di Vincenzo Basile ex deputato e consigliere uscente di Fratelli d’Italia. Basile è candidato in accoppiata con Angela Riccio, già nella lista di Forza Italia 5 anni fa. Poi ci sono il giovane imprenditore Pierluigi Cacciapuoti, titolare dell’omonimo pastificio di famiglia, l’insegnante Teresa Di Fiore, vicina al coordinatore del circolo locale di Francesco Carleo, e l’imprenditore nel campo delle telecomunicazioni Giovanni Pirozzi. Fratelli d’Italia si candida ad essere il partito leader del centrodestra con una lista formata da militanti storici. Il capolista è Pasquale Ascione, già consigliere comunale sotto l’Amministrazione Pianese e coordinatore del partito, che corre in accoppiata con l’insegnante Maria Taglialatela Scafati. E’ tornato in FdI, dopo la breve esperienza con la Lega, anche il giovane avvocato Emanuele Bifaro, fino ad ora mai eletto in Assise ma che ha sempre ben figurato nelle precedenti tornate elettorali. Dalla Lega proviene anche Augusto Panico, poi c’è Marco Fabricino esponente della fascia costiera. Capolista del partito di Matteo Salvini è il giovane Michele Diana. A capo della lista dell’Udc c’è l’ex consigliere di maggioranza Andrea Guarino, tra i firmatari della sfiducia ad Antonio Poziello. Presenti anche l’ingegnere Vincenzo Caragallo, conosciuto per la sua attività nella Protezione Civile, e l’architetto Imma Galiano, sorella del coordinatore cittadino Vincenzo. Nella civica Maisto Sindaco ci sono l’ex consigliere di maggioranza Paolo Liccardo e diversi professionisti e persone vicine al candidato sindaco del centrodestra come Gennaro Guarino. Grande rappresentanza per la fascia costiera arriva dalle due liste volute dall’ex consigliere Luigi Guarino. Nella lista Guarino il capolista è il consigliere uscente Raffaele Migliaccio. Nell’altra lista Fascia Costiera Unita spiccano i nomi di Guido Walter Mariani, vittima di un grave incidente domestico da cui si è miracolosamente salvato, e Umberto Mercurio, storico attivista ambientale di Licola. La capolista è la dottoressa Alessandra Scibilia. Ci prova questa volta da consigliera comunale Anna Russo con la sua lista civica Cambiamenti, che 5 anni fa si candidò a sindaco.