«Mio figlio ucciso come un animale dal poliziotto». Parla madre del 21enne

“All’agente che ha sparato a mio figlio dico che è un incompetente e non merita la divisa, se la deve togliere”. Lo ha detto Lourdes, la madre di Jefferson Tomalà, il ragazzo di 21 anni ucciso in casa da un agente domenica pomeriggio dopo aveva ferito a coltellate un poliziotto. La donna, accompagnata da due figli e dalla compagna di Jefferson, che ha parlato nello studio del legale di famiglia, ha chiesto “giustizia” per il ragazzo. “Mio figlio – ha proseguito la donna in lacrime all’Ansa – era una bravissima persona. Lo hanno ucciso come un animale. Chiedo giustizia. Spero che un giorno – ha continuato la donna – l’agente che ha fatto questo si penta. Mio figlio li ha aggrediti perché ha reagito allo spray al peperoncino. Non si meritava questo”.

Jefferson Tomalà, il ragazzo di 21 anni ucciso domenica in casa a Genova da un agente è stato colpito con almeno cinque colpi di pistola all’altezza del torace in punti vitali. È quanto emerso dall’esame esterno del cadavere effettuato dal medico legale Luca Tajana incaricato dal pm Walter Cotugno.