Aggressione all’ospedale di Napoli, dottoressa presa a mozzarelle in faccia

aggressione ospedale

Aggressione all’ospedale di Napoli, dottoressa presa a mozzarelle in faccia. Spazientita dall’attesa ha lanciato un contenitore di mozzarelle contro un medico dell’Ospedale del Mare di Napoli: l’episodio, sul quale sono in corso indagini dei carabinieri del quartiere Ponticelli, è avvenuto ieri sera. La donna, parente di un paziente, dopo avere aggredito il medico, una dottoressa, che per fortuna non ha riportato danni, ha lasciato la struttura sanitaria. Sono in corso accertamenti sulla vicenda.

Potrebbe interessarti anche

Giugliano /Lago Patria, Dottoressa presa a schiaffi, ancora un caso di aggressione nei confronti del personale medico. Questa mattina una dottoressa del 118 è stata schiaffeggiata a Lago Patria

In queste ore l’equipaggio del 118 di “Varcaturo SAUT” è in caserma per denunciare questa grave aggressione.

Pare che stamane la postazione in questione sia stata allertata per “perdita di coscienza” Codice Rosso a Lago Patria in via Staffetta. Purtroppo per il paziente, dopo le opportune manovre di rianimazione cardio-polmonare, non c’è stato nulla da fare. Nel momento della dichiarazione del decesso del paziente uno dei parenti si è scagliato contro la dottoressa del 118 schiaffeggiandola più e più volte. Addirittura sembra che stesso altri congiunti abbiano trattenuto l’energumeno evitando il peggio.

Aggressione in ospedale, la denuncia della dottoressa

Con vistosi segni sul volto la collega, unitamente all’equipaggio, si recano presso la vicina caserma dei carabinieri , sempre a via Staffetta, denunciando l’accaduto.

Questo è quanto si legge nel gruppo Facebook ‘Nessuno tocchi Ippocrate’. Nel post inoltre si legge: “Purtroppo altro problema nella Napoli 2 è la cronica carenza di personale medico, infatti la postazione di Pozzuoli è spesso e volentieri demedicalizzata. Tutto ciò si ripercuote inevitabilmente sulla assistenza in emergenza. Noi continueremo a difendere la categoria!
Aiutateci ad aiutarvi”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.