Camorra. «Ci furono contrasti tra Ciro Contini e ‘o Nannone», parla il superpentito

Anche prima della morte di Emanuele Sibillo, Ciro Contini faceva parte del gruppo di fuoco della ‘paranza dei bambini’, formazione che aveva deciso di conquistare Forcella.  Quando morì Emanuele Sibillo e il fratello Pasquale Sibillo era latitante, le redini del clan passarono a lui insieme a Antonio Napoletano ‘o nannone e Francesco Pio Corallo. Inizia così parte del racconto del collaboratore di giustizia Pasquale Orefice, il primo a raccontare ai magistrati dell’ascesa del giovane ras di Capodichino. Scaltro, ambizioso, tanto da arrivare anche a contrasti con i membri del clan Sibillo. E’ lo stesso Orefice a chiarirlo in unpassaggio:«Dopo l’ultima volta che è uscito dal soggiorno obbligato a San Vittore od in un paese vicino, ad agosto 2018, è tornato a Capodichino e controlla oggi il quartiere per conto suo. suo. Mi ha detto che per i Sibillo ha commesso agguati nella Sanità e una sparatoria a Forcella, senza specificare l’obiettivo. Mi ha parlato dell’omicidio del meccanico, specificandomi che “per sfizio” si era messo sul motorino ed era andato anche lui a sparare contro il meccanico… Questo omicidio è stata una punizione contro questa famiglia, perché uno di questa famiglia, per come mi ha detto il Contini, sparò ad Emanuele Sibillo da un balcone uccidendolo. A sparare contro il meccanico, per come mi ha detto il Contini Ciro, furono o’nannone, lo stesso Ciro Contini. ma in  realtà all’origine doveva andare solo o’nannone, ma alla fine andarono in 4 o 5 di loro, intesi come appartenenti ai Sibillo». (per quel delitto il Riesame annullò l’ordinanza cautelare per Conyini junior).

«Ad agosto 2017 – prosegue il pentito – prima dai ragazzi del gruppo del Contini e poi dallo stesso Contini ho saputo che questi aveva avuto una discussione con Nannone che essendo rimasto fedele ai Sibillo non volle appoggiare Contini poichè quest’ultimo aveva un atteggiamento ambiguo. Il Contini Ciro in quel periodo infatti già prendeva la mesata dai Contini. D’altra parte Contini Ciro era fidanzato con la nipote di Nicola Rullo».