Napoli. Disabile cacciato di casa la Vigilia di Natale perché gay: la storia di Valentino

Fonte immagine: 'Associazione I-Ken'

Vergognoso episodio accaduto a Napoli il giorno della vigilia di Natale. Valentino, un giovane ragazzo gay, è stato cacciato di casa semplicemente perché omosessuale. Il 25enne, che è anche sordo, si è ritrovato senza un tetto sopra la testa da un momento all’altro, solo perchè considerato “diverso” dai propri familiari. Valentino è stato infatti allontanato dalla sorella e dal cognato, che evidentemente non tolleravano un orientamento sessuale diverso dal loro.

A denunciare l’accaduto è stata l’associazione ‘I Ken’, che scrive: “Valentino, 25 anni, non è un FAKE, ma un ragazzo sordo, cacciato di casa la vigilia di Natale dalla famiglia perchè gay”. L’associazione poi continua: “Domenica scorsa, abbiamo ricevuto una richiesta da un ragazzo sordo, cacciato di casa dalla sorella ed il cognato perché gay. Ci informava di essere per strada da solo e cercava aiuto. Come associazione i Ken abbiamo fatto il possibile e mobilitato il comune di Napoli attraverso la delegata del Sindaco alle Pari Opportunità, Prof.ssa Simona Marino, che subito ha preso in carico il problema ed insieme siamo riusciti a coinvolgere una struttura a bassa soglia per le emergenze abitative per i senza fissa dimora. Il ragazzo è stato così accolto in una struttura a Napoli che gli ha garantito una sistemazione temporanea per il pernottamento con un letto, un pasto ed una prima colazione. Durante le ore diurne il ragazzo trova ospitalità ed accoglienza presso il Rainbow Center Napoli con i suoi volontari”.

Questo l’articolo de ‘I Ken’.