Torna la paura coronavirus in provincia di Napoli: donna positiva al test

Coronavirus, nuovo caso in provincia di Napoli
Coronavirus, nuovo caso in provincia di Napoli

Il coronavirus non è sparito. I numeri confortanti che si stanno registrando tra Napoli e provincia non devono far sottovalutare la pericolosità di un virus ancora presente. Un nuovo contagio da Covid 19 è stato registrato nelle scorse ore a Roccarainola, nella provincia di Napoli. A darne notizia è stato il primo cittadino Giuseppe Russo che ha rassicurato i suoi concittadini sulle condizioni della donna. Si tratta di R. D. A., residente nel comune del Nolano con compagno e figlia. Ad entrambi – secondo quanto riferito dal primo cittadino – è stato effettuato un tampone risultato poi negativo. Tutta la famiglia è stata messa in quarantena in attesa della negativizzazione del test. Toccherà adesso all’Asl ricostruire tutti i contatti della donna ed individuare, nel caso, nuovi possibili contagi.

Intanto la Regione Campania torna pian piano alla normalità. Dopo le misure restrittive introdotte dal mese di marzo per evitare il contagio da coronavirus, Vincenzo De Luca ha firmato un’ordinanza che costituisce un’ulteriore passo verso la ripresa delle attività. Via libera a calcetto e basket dal 6 luglio, sì al ballo nelle discoteche, in entrambi i casi rispettando le norme del protocollo. Confermato il divieto di vendita di alcolici da asporto – e del consumo di tali bevande in luoghi pubblici – a partire dalle 22.

Il caso Mondragone e la Campania

I dati confortanti emersi dal monitoraggio del contagio in Campania, fatta eccezione per il focolaio di coronavirus di Mondragone, hanno consentito la riapertura di diverse attività. Se si esclude infatti il caso della cittadina casertana, il resto della regione non registra contagi significativi. Il presidente della Regione, inoltre, ha cancellato i limiti di orario di chiusura di bar, ristoranti, gelaterie, pub ed altri esercizi di ristorazione, che non avranno più obbligo di somministrazione al banco o ai tavoli.

Svolta in Campania. Via libera da subito alle bande musicali, e alle sagre dal 10 luglio; stop ai limiti di presenza sulle imbarcazioni da diporto purché nel rispetto della capienza omologata. L’Unità di Crisi da coronavirus della Regione Campania  avvierà un’istruttoria volta alla modifica degli attuali limiti di presenza sui mezzi di trasporto regionali, anche marittimi, in ogni caso nel rispetto delle esigenze di sicurezza dell’utenza.