13 C
Napoli
mercoledì, Dicembre 1, 2021
- Pubblicità -

Ricostruito il volto di Osimhen, era sfasciato: “Inserite 6 placche e 18 viti”


Operazione riuscita per Victor Osimhen. L’attaccante azzurro è stato operato per ridurre le fratture all’orbita e allo zigomo sinistro rimediate nel match di domenica contro l’Inter, dopo un contrasto con Milan Skriniar. Purtroppo, come si legge nel comunicato del Napoli, per il rientro in campo saranno necessari circa 90 giorni. Tempi più lunghi rispetto a quelli inizialmente preventivati ma, fortunatamente, l’attaccante sta bene e ora resterà in osservazione per qualche giorno.

Se dovessero essere rispettati pienamente i 3 mesi preventivati, Osimhen potrebbe tornare a vestire la maglia numero 9 il 20 febbraio 2022, in occasione del match della Sardegna Arena tra Cagliari e Napoli. Presumibilmente, si farà di tutto per recuperarlo prima, almeno per il 13 febbraio, giorno in cui al Maradona arriva l’Inter di Simone Inzaghi. Ad ogni modo, la punta di Lagos non partirà sicuramente per la Coppa d’Africa, visto che il torneo si terrà nel periodo della sua convalescenza (9 gennaio-6 febbraio).

Il chirurgo Tartaro: “Osimhen salta sicuro la Coppa d’Africa”

Il professor Gianpaolo Tartaro, chirurgo che ha operato Osimhen, spiega a Calciomercato.it l’intervento: “Avrà avuto una ventina di fratture, è finito come sotto una pressa. Tre ore e mezza di intervento, tre incisioni abbiamo dovuto applicare su più punti del visto”.

Ovviamente, si riparte dal comunicato del Napoli: I novanta giorni di prognosi sono, purtroppo, concretissimi. La maschera che tutti credono sia facile, purtroppo, scarica su dei punti particolari: questa maschera che facciamo oggi si appoggia dove c’è la frattura. Dobbiamo studiare una maschera adatta alla conformazione di Victor, non è una questione così banale, anzi. C’è un nervo lì, tutto molto complicato”.

Quando torna Osimhen è la domanda che si pongono tutti: “Canonico (responsabile medico del Napoli, ndr) è molto bravo, lo aiuterà per il meglio. Posso dire che di sicuro non va in Coppa d’Africa. Vediamo come si evolve la situazione, ci siamo presi una forbice larga. Vediamo come rispondono orbita e nervo: la cavità oculare si è stretta. L’occhio è uscito dall’orbita, andiamo con i piedi di piombo. Da tifoso, lo vorrei in campo, ma dobbiamo aspettare i tempi tecnici corretti”.

Osimhen aveva parte del volto completamente sfasciato. “La forza cinetica scaturita dallo schiacciamento del viso contro la nuca di Skriniar ha provocato un danno devastante. Ho dovuto inserire 6 placche e ben 18 viti“. 

Il comunicato del Napoli

“Victor Osimhen è stato operato questa mattina dal Prof. Tartaro, coadiuvato dal dott. Mario Santagata ed alla presenza del dott. Canonico, per un intervento di riduzione e contenzione delle fratture pluriframmentarie e scomposte dell’osso malare, dell’arco e del pomello zigomatico, del pavimento e della parete laterale dell’orbita, e della diastasi della sutura fronto-zigomatica. La sintesi dei monconi ossei è stata fatta tramite placche e viti in titanio. Il giocatore sta bene e resterà in osservazione per qualche giorno. La prognosi è stimata in circa 90 giorni”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alberto Raucci
Alberto Raucci, 27 anni. Dal 2018 collaboro con InterNapoli.it, diventando giornalista pubblicista (e conseguendo quindi il tesserino) nel 2020. Nel corso degli anni ho avuto modo di scrivere anche per AbbìAbbè, giornale online e mensile in carta stampata. Abile nella produzione e nel montaggio video.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Banda del buco a Napoli, arrivano le condanne in Appello per 13 imputati

Arrivano le condanne in Appello per la banda napoletana accusata di rapine con la tecnica della banda del buco. Davanti alla...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria