Pericolo emergenza rifiuti nei comuni vesuviani, dieci sindaci contro Napoli

I sindaci dei comuni di Portici, San Giorgio a Cremano, Ercolano, San Sebastiano al Vesuvio, Cercola, Massa di Somma, Somma Vesuviana, Volla, Pollena Trocchia e Torre del Greco, segnalano ancora una volta il rischio che la raccolta differenziata delle proprie città venga vanificata dalla pessima gestione degli impianti di smaltimento a cura della Città Metropolitana e della Società Provinciale SAPNA.

 

Difatti oltre ad aumenti sconsiderati dei costi che si ripercuoteranno sui cittadini, vi è una politica che mette in coda alle necessità della città di Napoli qualsiasi altro territorio rallentando, se non bloccando, la raccolta anche nelle città dove non vi è alcuna crisi.

 


Nei prossimi giorni anche nelle nostre città vi potranno essere ulteriori disservizi creati dalle interminabili code per sversare l’indifferenziato che in maniera sistematica vedono i camion dell’Asia scavalcare qualsiasi fila. Questa gestione del tutto inefficiente e faziosa della Sapna e della Città Metropolitana mortifica i nostri territori penalizzando i Cittadini virtuosi creando evidenti disparità di trattamento a favore di Amministrazioni inadempienti sugli obiettivi di legge in materia di raccolta differenziata.

 

COMUNICATO DEI SINDACI DEI COMUNI VESUVIANI