Meglio la bustina di droga che il reddito di cittadinanza, bufera sul candidato sindaco di Battipaglia
Meglio la bustina di droga che il reddito di cittadinanza, bufera sul candidato sindaco di Battipaglia

Il candidato sindaco Antonio Visconti è finito nella bufera dopo le dichiarazione rilasciate durante un comizio. Parlando del reddito di cittadinanza, infatti, l’aspirante fascia tricolore ha detto ‘è meglio che gli diamo una bustina di droga al ragazzo‘.

Subito sono arrivate le parole di condanna del deputato del MoVimento 5 stelle Nicola Provenza: “Chi lo sostiene, il Partito Democratico, compreso chi continua a produrre dalla segreteria provinciale del Pd comunicati stampa senza firmarli, prenda le distanze”.

Si tratta di parole inquietanti soprattutto se provengono da chi si propone a ricoprire una carica istituzionale così importante. L’inopportunità e la gravità di queste parole provocano indignazione in tutta la comunità di Salerno e provincia. Sempre più evidente l’inadeguatezza della classe dirigente del Pd salernitano”, spiega Provenza.

Chiedo che i massimi livelli istituzionali del Pd esprimano una ferma condanna, senza se e senza ma, rispetto a quanto accaduto. Il candidato Sindaco Visconti ritiri la sua candidatura. È questo l’atto più corretto e conseguente da attuare in questa occasione”, conclude Provenza.

IL VIDEO DELLE POLEMICHE SUL REDDITO DI CITTADINANZA

BUFERA SULLE PAROLE DI VISCONTI, ARRIVA LA CONTROREPLICA

Lo stesso Visconti spiega la sua infelice uscita: “Appare assolutamente fazioso e assurdo che le mie parole passino come un incitamento all’uso di droghe, piuttosto se si ascolta l’intero video si può capire come l’invito ai ragazzi sia verso la specializzazione professionale, la creazione di competenze, l’impegno per la costruzione del proprio futuro. Purtroppo il reddito di cittadinanza non ha dato i risultati sperati in termini di creazione di posti di lavoro. È giusto e sacrosanto che lo Stato e le istituzioni si facciano carico di condizioni di disagio e di difficoltà, che vanno aiutate e supportate. Tuttavia è parimenti evidente la crisi che tale modello ha creato soprattutto nel reperimento di lavoratori stagionali o verso il primo impiego che, storicamente, richiede più sacrifici che ricompense“.

Mi scuso inoltre con le famiglie e i tanti che combattono il dramma della tossicodipendenza. Sono solidale e vicino al loro dolore e alla lotta impari che sostengono ogni giorno, ha usato un esempio infelice. Perché è in gioco il futuro dei figli, dei nostri figli. Nell’invitare a vedere il video per intero e stigmatizzando qualsiasi uso di droghe, ci auspichiamo che la campagna elettorale possa affrontare i temi che stanno davvero a cuore ai cittadini, evitando inutili quanto pretestuose polemiche”, conclude Visconti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.