Entro il 15 giugno si torna sulle spiagge di Pozzuoli e di Licola, l’annuncio del sindaco Figliolia

pozzuoli vincenzo figliolia spiagge licola apertura lidi
Il sindaco Vincenzo Figliolia annuncia la riapertura delle spiagge

Le spiagge di Pozzuoli riapriranno entro il 15 giugno, questo l’annuncio di Vincenzo Figliolia. Il primo cittadino puteoleano ha scritto un post sulla sua pagina Facebook per annunciare l’approvazione di una delibera ai suoi concittadini: “Il mare è un diritto di tutti e nessuno lo nega. Nessuno mai ha pensato di farlo. Entro il 15 giugno, con l’inizio della stagione balneare, apriremo le spiagge, e puntiamo a farlo anche prima. L’obiettivo mio, di tutta l’Amministrazione e della maggioranza del Consiglio comunale è quello di far vivere un’estate sicura. Facendo fronte a tutte le misure per la tutela della salute che ci vengono prescritte dalle linee guida ricevute tra l’altro solo una settimana fa“.

LE REGOLE PER LE SPIAGGE

Nel provvedimento comunale verranno indicati le linee guida anti-covid così come assicurato da Figliolia: “Dovremo organizzare i litorali per fornire visivamente gli stalli dove potersi collocare in libertà, nella certezza di garantire i dovuti distanziamenti. Anche attraverso un sistema di prenotazione. Dovrà essere adottato il distanziamento sociale anche con l’impiego di steward che diranno ai bagnanti se ci sono posti disponibili in spiaggia e dove potersi posizionare. Dovremo garantire la sorveglianza balneare in modo continuativo“.  Inoltre prima delle aperture dei lidi sarà condotta una pulizia delle spiagge e delle scogliere. “Ci costa tenere chiuse le spiagge in questi giorni, ma lo facciamo con senso di responsabilità, per realizzare un piano di sicurezza per quanto riguarda la zona balneare, nella sua diversità dal lungomare a Licola” ha sostenuto il sindaco.

Tanti cittadini si apprestano ad iniziare un’estate inedita alle prese con il coronavirus, infatti, dovranno fare tesoro delle prescrizioni del distanziamento sociale. Sarà completamente differente rispetto al passato con nuove regole molto stringenti e le regioni stanno già attuando nuovi piani di azione. Differenti da zona a zona in base anche alla morfologia del territorio e dalla tipologia di spiaggia e di mare a disposizione dei turisti.