Rosario resta in carcere, ha ucciso i cuginetti Alessio e Simone

Il gip di Ragusa Andrea Reale ha convalidato l’arresto di Rosario Greco, il 37enne che la sera dell’11 luglio ha travolto i due cuginetti di undici anni, Alessio e Simone, a Vittoria, provocandone la morte. Il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere.

L’uomo che era alla guida del Suv, con un tasso alcolemico 4 volte superiore al limite consentito e dopo avere assunto cocaina, risponde di duplice omicidio stradale aggravato, omissione di soccorso e porto d’armi atte a offendere.

Ha lasciato Messina, intanto, il feretro di Simone D’Antonio, trasferito nel cimitero di Vittoria per procedere all’autopsia. Un tragico destino ha unito i due cuginetti, nati a cinque giorni di distanza l’uno dall’altro e morti a causa dello stesso drammatico incidente. Alessio è deceduto subito, per una grave emorragia post traumatica. Simone ha lottato fino a ieri mattina. La notizia della sua morte è giunta mentre erano in corso i funerali del cuginetto.