17.6 C
Napoli
domenica, Maggio 22, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Scuola in presenza in Campania, De Luca attacca: “Oltre 25mila contagi in 7 giorni”


“La Dad non è opposizione alla presenza ma la capacità di integrazione attraverso le tecnologie che permettono di sviluppare una didattica partecipativa”. Lo dice il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante l’audizione in commissione Cultura alla Camera. “Ad oggi, alle 12 – ha affermato – il 93,4% delle classi è in presenza.

Di questi il 13,1% con attività integrata per singoli studenti a distanza. Le classi totalmente a distanza sono il 6,6%”. “Lungi da me fare polemiche, però in questi giorni ho sentito proporre stime che non avevano basi numeriche”. Il riferimento è alle stime fornite dall’Associazione Nazionale Presidi, secondo la quale al momento ci sarebbero il 50% delle classi in Dad.  “Su un totale di 7.362.181 studenti, gli alunni in presenza sono l’88,4%. Per l’infanzia gli alunni positivi o in quarantena sono il 9%. Per la primaria il 10,9% e per la secondaria il numero di studenti in Dad o in didattica integrata sono il 12,5%”. “Il personale sospeso per non essere in regola con il vaccino è dello 0,9%. Ciò dimostra l’alto grado di responsabilità dei nostri docenti”.

“Abbiamo sempre dato priorità ad una scuola in presenza – afferma -, perché era un punto di riferimento per i ragazzi, per le famiglie e per la comunità nel suo insieme”. “La scuola – prosegue – è comunità. E vi può essere anche attività con strumenti digitali ma all’interno di un progetto didattico”.  “Il grosso dei contagi è avvenuto durante il periodo di chiusura delle scuole”. “Noi abbiamo avuto l’impennata dei dati dal 18 – sottolinea -. Avevamo fatto una simulazione con una previsione di un raddoppio dei contagiati, ma il dato reale è molto più basso. Il dato che noi abbiamo è che il contagio è avvenuto sostanzialmente nel tempo in cui i ragazzi non erano a scuola, ma quando hanno avuto altri contatti, contatti familiari, fuori da quella che è la situazione di controllo che possiamo vivere all’interno delle scuole”.

“In termini di vaccinazione abbiamo situazioni molto differenziate per diversi livelli. Un livello molto alto per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni, con una copertura vicina all’85%. Più basso, ovviamente, per i ragazzi della primaria per via di aver avuto l’autorizzazione a procedere con le vaccinazioni il 25 di novembre. Ma se all’inizio della settimana scorsa eravamo al 12%, abbiamo poi chiuso al 25%, con un tasso molto alto di adesione alla vaccinazione”.

SCUOLA, DE LUCA CONTRO MINISTRO BIANCHI: “25MILA CONTAGI IN 7 GIORNI”

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, non ci sta dopo il “no” espresso dal Tar sulla chiusura delle scuole nel territorio di sua competenza.

Infatti, il Governatore, ha pubblicato nella giornata di ieri un bollettino sui contagi particolare, che riguarda solamente i positivi conteggiati tra i banchi di scuola negli ultimi 7 giorni. Da come si legge nella nota pubblicata sui social, le Asl campane hanno contato 25.745 positivi nell’ultima settimana che fanno parte di un range d’età che va dai 0 ai 13 anni.

Nello specifico, sono 7.442 i positivi nella fascia di età 0-5 anni, 10.881 in quella 6-10 e 7.422 tra gli 11 e i 13enni. De Luca lancia, inoltre, una sferzata a parte del Governo: “Ritengo opportuno inviare questi dati al Ministero della Salute, e, per sua opportuna conoscenza, al Ministro dell’Istruzione Bianchi.”

Il sindaco chiude tutte le scuole: “Tuteliamo studenti e docenti”

Il sindaco di Gricignano di Aversa, Vincenzo Santagata ha deciso di chiudere le scuole cittadine per almeno due giorni (giovedì 20 e venerdì 21 gennaio) per tutelare “la salute degli studenti e dei docenti” vista questa terribile emergenza Covid che sta toccando nuovamente tutto il mondo. “C’è un numero troppo alto di contagi”, c’è scritto nell’ordinanza del primo cittadino.

“A causa dell’elevato numero di contagi covid che si stanno registrando a Gricignano di Aversa, anche tra alunni e personale scolastico, il sindaco Vincenzo Santagata ha disposto con apposita ordinanza la chiusure delle scuole per l’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, per le giornate di giovedì 20 e venerdì 21 gennaio”.

La ripartenza a questo punto è prevista per lunedì 24 gennaio.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Hannibal non dà tregua all’Italia, temperature ‘di fuoco’ fino alla prossima settimana

Hannibal non dà tregua: previsioni meteo con caldo torrido. Sarà una domenica più tipica di luglio che di maggio a livello...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria