Serie A. Il Napoli riaccende le speranze. Sarri “infiamma” l’ambiente

“Siamo matematicamente secondi. L’obiettivo è raggiunto, ora possiamo divertirci”. Così l’allenatore del Napoli, Maurizio Sarri dopo la vittoria in rimonta sull’Udinese e il pari della Juve a Crotone, a quattro giorni dalla sfida di Torino. “Sappiamo che domenica sarà una partita difficile, ma noi cerchiamo di imporre sempre il nostro gioco, cercheremo di farlo anche in uno stadio difficilissimo.
Comunque mancano ancora cinque partite, limitare tutto alla prossima sfida è riduttivo”.

Si sono riaccese le speranze dei tifosi azzurri, rassegnati dopo il -6 dalla Juventus, che ieri sera hanno vissuto emozioni contrastanti che in 10 minuti si sono totalmente ribaltate: dal -9 al -4. Cinque punti recuperati sulla Vecchia Signora con la “testata” di Albiol, sospinto dai 45 mila del San Paolo, e con il “piedino” di Milik che ha sancito il vantaggio azzurro dopo essere andati due volte sotto contro una buona Udinese. Ci ha pensato Tonelli, con il solito colpo di testa su calcio d’angolo, a rasserenare le coronarie dei tifosi che poi hanno rivolto tutte le attenzioni allo Scida di Crotone dove la Juventus non è riuscita a ribaltare il risultato dopo l’1-1 siglato da Simy su rovesciata. Un gesto tecnico diventato incubo della difesa bianconera.

L’appuntamento adesso è per domenica quando le due regine della massima serie si scontreranno a Torino. Da lì passa il verdetto del campionato, da lì passa il “patto” azzurro.