Si appartano con i fidanzati, danno falsi nomi poi la fuga: nei guai 2 minorenni in provincia di Caserta

Nonostante le misure sempre più stringenti per arginare la pandemia di coronavirus, in molti continuano a spostarsi, i vigili urbani di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, in collaborazione con i carabinieri della locale stazione, sono riusciti a ricostruire il quadro completo degli eventi dello scorso 16 marzo, a riportare la notizia è il sito edizione caserta.

Furono 5 i ragazzi beccati in gruppo nei pressi della stazione, 4 dei quali erano in atteggiamenti amorosi.  All’arrivo dei vigili e dei carabinieri i ragazzi diedero le loro generalità mentre le due ragazze, dopo aver dato nomi falsi, si allontanarono di fretta sui binari.

Erano giunte a Santa Maria a Vico con il treno e riuscirono a rientrare a Cervinara convinte di aver eluso i controlli, non sapendo di essere state fotografate, come gli altri presenti, dai vigili urbani di Santa Maria a Vico.

I 3 maschietti, due del posto e uno minorenne di Maddaloni furono denunciati secondo il vigente decreto, come riportato dal sito edizione caserta lo stesso giorno.

Dopo un’attività di ricerca dei caschi bianchi, attraverso i social, le due giovani sono state riconosciute e saranno a loro volta denunciate per la violazione del decreto e per aver fornito false generalità alla PG che procedeva.