Spunta la pista satanica per la morte di Marco, il 17enne era spaventato

Marco Cestaro sarebbe stato ucciso da una setta satanica. Di questa tesi è convinta la mamma del 17enne, finito sotto un treno nel gennaio 2017 in provincia di Treviso. Lo scorso novembre la Procura ha chiesto l’archiviazione ma la perizia del medico legale sostiene che i traumi appaiono compatibili con l’omicidio. Sulla testa del ragazzo era presente un edema profondo ma la pelle non aveva abrasioni.

Gli avvocati della famiglia sostengono che a Marco sono state spezzate le gambe, fratturato le dita, spenta sigaretta sul petto e conficcato una lama nel collo. Poche settimane prima di morire Marco aveva parlato del timore che “Satana potesse far del male ai suoi cari”. La pista della religione occulta è stata riporta da Il Gazzettino.