Stadio San Paolo, tra 10 giorni il primo colpo d’occhio: cosa cambierà nel “tempio” di Fuorigrotta

Sono partiti ieri i lavori di smontaggio dei sediolini, impermeabilizzazione delle gradinate e installazione delle nuove sedute allo stadio San Paolo di Fuorigrotta in vista delle Universiadi che si svolgeranno in città nei primi giorni di luglio. Non ci saranno solo i sediolini a regalare un colpo d’occhio diverso alla struttura, ma a opera conclusa l’arena azzurra si mostrerà con un maxischermo (forse due) da 120 mq, luci nuove e, soprattutto, una pista d’atletica nuova di zecca. E proprio la pista che incornicia il campo di gioco sarà il primo cambiamento visibile già nei prossimi giorni. Ad annunciare il primo step dei lavori in via di conclusione è stato Carlo Perego, Amministratore Tipiesse, intervenuto in diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello.

Abbiamo iniziato lunedì e stiamo, anche, seguendo i lavori della pista che sarà completata tra 10 giorni. Siamo attrezzati per dare al Napoli la possibilità di giocare e al contempo per lavorare. Dopo la partita contro l’Inter avremo l’intera disponibilità dello stadio. Gli spogliatoi fanno parte del primo lotto della pista e devono capire ancora come li vogliono fare. Si faranno dopo le Universiadi. L’aspetto del San Paolo sarà stupendo con 5 colori per i sediolini. Non sono ancora arrivati tutti perché sono in produzione. Lo stadio sarà moderno e più agevole per i tifosi; la pista di atletica sarà blu e con zone grigie. Non interverremo sul terreno di gioco ma abbiamo messo dell’erba sintetica tra la pista e il campo. Renderemo impermeabili tutte le gradinate“.