Camorra in azione al Rione Berlingieri: esplosi 3 colpi di pistola

stesa Rione Berlingieri
I carabinieri sono stati avvertiti da una telefonata nella notte

Si torna a sparare nel rione Berlingieri a Secondigliano, con una stesa che potrebbe essere collegata ai recenti arresti che hanno interessato i clan operanti nella zona e alla notizia della dissociazione del boss Fabio Mennetta.

Stesa Rione Berlingieri, indagano i carabinieri

Nella notte  i carabinieri hanno rinvenuto all’incrocio tra via Diacono e via Cardinale Filomarino tre bossoli. I colpi sarebbero stati esplosi da una pistola calibro 9 a scopo intimidatorio.

Si cerca di ricostruire il puzzle

Ancora non è chiaro però chi fosse il destinatario del messaggio e se ci sia una correlazione tra il raid di questa notte ed i recenti fatti di cronaca.

Il boss Fabio Magnetti si era dissociato qualche giorno prima della Stesa al Rione Berlingieri: «Ho ucciso nove volte»

Ha ammesso il suo passato da killer al servizio della camorra. «Ho ucciso nove volte,
confesso, chiedo scusa a tutti e mi dissocio». Questa la dichiarazione choc di Fabio Magnetti, uno dei capi della Vanella Grassi. Ha ammesso anche delitti non scoperti dalla Dda, tanto da confessare un omicidio in più rispetto agli otto per i quali è finito sotto inchiesta. Magnetti si è autoaccusato ma, come già avvenuto in altri processi per altri che hanno scelto la sua strategia difensiva, non ha fatto altri nomi. L’obiettivo è quello di ottenere una condanna a 30 anni e non l’ergastolo. Imputato per il duplice omicidio Parisi-Ferraro Magnetti dice di aver guidato l’auto ma di non aver premuto il grilletto come invece avvenuto per il duplice omicidio Stanchi-Montò:  «Il nostro compito era di interrogare Lello “bastone”, dovevamo solo sequestrarlo e chiedergli dei soldi della droga. Punto». Poi casa accadde che presi la pistola e li uccisi. Lo feci per vendetta, perché pensai a mio fratello Luigi Magnetti ammazzato tempo prima».

Per restare aggiornato e seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook