Steve Cooke
Steve Cooke

L’ambulanza sbaglia indirizzo e un papà di 4 figli muore di Covid. Steve Cooke, 36 anni, è stato trovato morto dalla polizia nella sua casa a Chatham, nel Kent, il giorno successivo a quello in cui la sua famiglia ha chiamato l’ambulanza vedendo le sue condizioni di salute peggiorare a causa del Covid.

I fatti risalgono allo scorso Natale, ma in questi giorni si stanno svolgendo nuove indagini sul suo caso. La compagna, Katie Milne, punta il dito verso chi si occupava dell’ambulanza che avrebbe dovuto controllare meglio l’indirizzo. Steve Cooke, allenatore di calcio giovanile e custode di una scuola elementare locale, aveva telefonato al numero per le emergenze perché aveva scoperto da due giorni di essere positivo al Covid e aveva gravi difficoltà respiratorie.

In quel periodo il Regno Unito era alle prese con il boom di contagi di variante Alpha del Covid, in piena emergenza sanitaria. Stando a quanto ricostruito, l’addetto alle chiamate ha avuto difficoltà a capire cosa dicesse e ha inviato un’ambulanza all’indirizzo sbagliato, a meno di cinque metri di distanza dalla casa del signor Cooke a Chatham. Gli operatori hanno chiamato la donna, ma non hanno comunque capito l’indirizzo e alla fine non c’è stato alcun soccorso dopo che l’ambulanza è stata dirottata su un altro salvataggio.

L’uomo, padre di 4 figli, alla fine è stato trovato morto nel suo letto dalla moglie il giorno seguente, senza che nessuno avesse nemmeno provato a salvarlo. L’accusa è verso l’operatore che non avrebbe ascoltato in modo adeguato la signora non dandole il tempo di spiegare, facendo perdere tempo all’ambulanza e mancando un soccorso che sarebbe potuto essere decisivo.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.