14.7 C
Napoli
domenica, Febbraio 25, 2024
PUBBLICITÀ

Tifosi Juve furiosi sul web: “Puniti solo noi, ritiriamo la squadra dal campionato!”

PUBBLICITÀ

Il processo bis per le plusvalenze si riapre e a pagare è la Juventus. E con una stangata: – 15 punti in classifica e tutti i dirigenti condannati. Dopo oltre quattro ore di Camera di consiglio la Corte federale d’appello non solo ha accolto la richiesta di rimettere sul banco degli imputati il club bianconero, ma ha anche aumentato le pene che aveva chiesto il capo della procura Giuseppe Chinè.

E’ un vero e proprio tsunami sulla classifica (i bianconeri di Allegri scendono al momento del terzo al decimo posto) e sul futuro del club, ora atteso da un possibile secondo processo sportivo, derivato dai nuovi atti dell’inchiesta Prisma, oltre alle possibili sanzioni minacciate dall’Uefa per la violazione del financial fair play. La nuova Juve del dopo Agnelli si trova intanto a scontare sanzioni per i vecchi guai: ed è stato solo il primo dei giorni del ‘giudizio’, quello in cui la Corte federale d’appello appunto era chiamata a valutare la riapertura del processo sportivo che vedeva coinvolti oltre alla Juve altri otto club e che lo scorso maggio si era concluso con il proscioglimento.

PUBBLICITÀ

Le reazioni dei tifosi

Rabbia e sgomento sono le reazioni più comuni tra i tifosi bianconeri. “Fatevi il vostro campionato, il calcio italiano finisce stasera. È stato un piacere vedervi perdere” ha commentato un utente. “Ritiriamo la squadra ora!” è la richiesta estrema di un altro. La delusione deriva anche dal fatto che la Juve sia stata l’unica società a ricevere una penalizzazione. “Vi ricordate la partita in casa con la Salernitana, e voi vi fidate ancora di ‘sta gente? Il calcio italiano è malato. Paga sempre e solo la Juventus, da sempre. Basta!”. “Ricapitolando, le plusvalenze sono il risultato di una operazione di mercato tra due società sportive al momento del raggiungimento di un accordo, ma paga solo la Juventus. Questo paese da oggi fa ancora più vomitare. Torneremo più incazzati”. La soluzione, per qualcuno, è una specie di embargo. “Basta giocatori alla nazionale Figc. Basta acquistare giocatori in Italia. Silenzio stampa a tempo indeterminato”.

Quasi automatici i riferimenti a Calciopoli: “15 punti solo alla Juve, le altre prosciolte. Un’altra Calciopoli. Se ci lasciate soli non lottando anche questa volta, vi assicuro che avrete lo stadio vuoto, e tutto il resto che vi meritate”. E ancora: “La Juventus adesso si deve difendere come si deve. Non come nel 2006. Si deve andare fino in fondo anche con decisioni estreme”. Ma qualcuno la prende con filosofia, notando che la qualificazione in Champions League non è compromessa. “Basta vincere l’Europa League per andare lo stesso in Champions”.

Il commento del direttore di Tuttosport

Queste la parole del direttore di Tuttosport Guido Vaciago sul giornale oggi in edicola:

È chiaro che il problema non sono le plusvalenze: il problema, per la giustizia sportiva, è la Juventus”.

È un cecchinaggio feroce e insensato che calpesta il diritto applicando una disparità di giudizio ingiustificabile“. Il giornalista fa notare come la Juve sia “l’unica società punita per una violazione, le plusvalenze fittizie, che si commette in due“.

E poi, continua dicendo “com’è possibile che la Juventus sia l’unica a essere penalizzata? È da ipotizzare che la Corte sia andata oltre il meccanismo della plusvalenza in sé e abbia accolto l’idea di un criminoso ‘sistema Juventus’, ma anche questa ipotesi non giustifica una pena così sproporzionata. Perché quindici punti sono una condanna enorme che deve richiedere una violazione enorme. Possono le plusvalenze, qualora provate, esserlo?“.

La sensazione che ci sia dell’accanimento sarà difficile da spazzare via. Non è una cosa logica. Così, è una cosa da matti”, conclude il direttore del quotidiano.

Il comunicato Juve

La Juventus “attende la pubblicazione delle motivazioni e preannuncia la proposizione di ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport nei termini del Codice di Giustizia Sportiva”. Lo scrive il club bianconero in una nota. “La Corte Federale di Appellosi leggeha dichiarato ammissibile il ricorso per revocazione e revocato la pronunzia della Corte Federale di Appello del 27 maggio 2022 e disposto la penalizzazione di 15 punti in classifica per la Juventus da scontarsi nella corrente stagione e l’inibizione temporanea per il Ds Cherubini, di 16 mesi a svolgere attività in ambito Figc, con richiesta di estensione per Uefa e Fifa”.

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Volano le coltellate nel carcere di Avellino, un detenuto è grave

E' scoppia una rissa a coltellate tra detenuti nel carcere di Bellizzi Irpino. A darne notizia la Segreteria UILPA...

Nella stessa categoria