Caos nella casa del Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi al centro della bufera

Tommaso Zorzi
Tommaso Zorzi

Bufera all’interno della casa del Grande Fratello su Tommaso Zorzi. Il concorrente la settimana scorsa aveva imitato Barbara d’Urso e, come se non bastasse, si è fatto scappare una battuta di una battuta di cattivo gusto sul coming out di Gabriel Garko. Alfonso Signrini, non gradendo questo comportamento, l’ha richiamato in diretta.

“Non mi è piaciuta affatto la tua ironia. Tu dici che su te stesso puoi dire quello che vuoi, ma che non vuoi che gli altri parlino con te al femminile, come puoi sapere se a Garko fa piacere che tu gli dici che forse porta la gonna? Ci deve essere coerenza e la tua battuta non fa ridere nessuno. Tu dici che dovevamo ridere? Allora se Franceska la prossima volta si rivolge a te al femminile anche tu devi ridere, ok?”. Si riferisce Signorini a Tommaso Zorzi.

Tommaso Zorzi non l’ha presa bene e appena il conduttore ha chiuso il collegamento è sbottato.

“No amore, no, ma dai, ma io non ho parole, ma tesoro, amore. Io mi sono rotto il cavolo di questo gioco se è così. Se devono fare queste robe. A me viene a dire questa roba qui sul coming out? Cioè, ma allora sei str**zo. Perché allora sei str**zo. Mi fa girare il ca**o questa roba. Amore, cioè, se questo è il gioco io me ne vado ora. Ho fatto duemila robe e loro prendono una sola? Un personaggio come me, – continua Tommaso Zorzi – che fa mille robe e loro prendono un minuto? Se togli tutto e lasci una battuta. Questa è una roba che trovo talmente brutta. Hanno strumentalizzato una battuta. Io non chiedo scusa. No amore, tesoro, amore, non esiste. Se dobbiamo rovinare la vita della gente per fare due punti di share io non ci sto”.

Una volta tornato in collegamento, Tommaso Zorzi ha anche chiesto scusa a chi si è sentito offeso dal suo scivolone: “Se questa battuta ha urtato la sensibilità di qualcuno allora io chiedo scusa“.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.