Bimbo di sei anni sale sul tetto, salvato dalla polizia: il padre giocava alle slot

Un bambino di 6 anni, lasciato solo in casa dal padre che era andato in una sala gioco per slot machine, è salito dapprima su un cornicione del quarto piano e poi ha raggiunto il tetto spaventandosi e mettendosi a piangere. Il fatto è avvenuto a tarda notte nel centro di Livorno. Alla casa è intervenuta la polizia chiamata dai vicini che dicevano di sentir piangere qualcuno dal tetto senza comprendere bene chi. Gli agenti hanno poi individuato il punto dove si trovava il bambino e lo hanno recuperato. Per il padre, che era andato a giocare, è scattata una denuncia per abbandono di minore, inoltre il bambino gli è stato tolto ed è stato affidato a un parente.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, il bambino, uscendo dalla finestra della sua abitazione al quarto piano, ha percorso il cornicione e raggiunto il testo di un condominio di tre piani adiacente al suo palazzo. Quando il bimbo si è reso conto del luogo in cui si trovava e dell’altezza da terra, si è spaventato moltissimo e ha cominciato a piangere richiamando l’attenzione dei vicini. Tuttavia, oltre a un certo choc psicologico, i sanitari che lo hanno visitato dopo il salvataggio hanno escluso che abbia riportato lesioni o ferite. Ora è stato affidato a un altro familiare. Dagli accertamenti è emerso che il bambino, viveva esclusivamente con il padre, un cinese, ma dopo questo episodio è stato deciso di provvedere a una soluzione diversa pur nell’ambito della cerchia familiare. Lo riporta l’Ansa.