22.8 C
Napoli
martedì, Agosto 9, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Busta paga di agosto, aumento medio di 75 euro: ecco perchè


L’attuale governo, anche se dimissionario, dovrà presto emanare una serie di misure economiche volte a contrastare l’impennata dei prezzi dell’energia e delle materie. Impennata dei prezzi causata, principalmente dall’attuale conflitto tra Russia e Ucraina. Soltanto pochi giorni fa, si parlava dell’istituzione di un possibile bonus 200 euro bis, il contributo economico a favore dei cittadini con reddito basso. Adesso, complice la crisi di governo, questa opzione sembrerebbe ormai accantonata. Eppure, anche senza il nuovo bonus, le buste paga di agosto, settembre e forse anche dei mesi successivi (fino alla fine dell’anno) potrebbero essere più alte. In un recente incontro con i sindacati, l’esecutivo ha ipotizzato una decontribuzione per i prossimi mesi, in modo da far aumentare gli stipendi e le pensioni nette dei cittadini. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Nessun bonus 200 euro ma si pensa ad un aumento degli stipendi

A breve dovrebbe arrivare la conversione in legge del Decreto Aiuti, il quale dovrà contenere un pacchetto di nuove misure economiche pensato per contrastare l’impennata dei prezzi di questo periodo.

Molto probabilmente non vedremo un altro bonus 200 euro una tantum. Il governo vorrebbe introdurre, questa volta, qualcosa di più duraturo.

Qualche giorno fa, il Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, ha proposto il taglio dell’Iva, quantomeno per i prodotti di prima necessità. Purtroppo, però, questa proposta non avrebbe ancora trovato il favore di un’ampia maggioranza, anche perché una misura del genere potrebbe risultare troppo costosa.

Il piano del governo, dunque, potrebbe essere quello di una decontribuzione a favore dei lavoratori e dei pensionati che percepiscono un reddito basso. Probabilmente, la soglia di reddito entro la quale si potrà avere l’aumento in busta paga rimarrà uguale a quello previsto per il bonus 200 euro (35 mila euro). In questo caso, però, non si tratterebbe di una misura una tantum. Tale decontribuzione potrebbe durare per tutti i restanti mesi del 2022. Si parla di un aumento medio mensile di 75 euro.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

“E’ un carabiniere? Non ci interessa. Se non paghi ti mandiamo i vigili”, i paradossi del clan Mallardo

Non solo avevano chiesto il pizzo ad un carabiniere, ma per costringerlo a pagare lo avevano minacciato dicendo che...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria