Violenza nel carcere di Aversa. Agente pestato a sangue da un detenuto: è grave

Aversa, agente pestato in carcere

Violenta aggressione ad un agente della Polizia Penitenziaria. L’episodio si è verificato nel carcere di Aversa dove l’agente ha subito un violento pestaggio da un detenuto dopo  l’incontro con la moglie. A comunicare l’accaduto è stato il sindacato Seppe che ormai quotidianamente denuncia episodi di violenza all’interno dei penitenziari. Il basco blu si trova adesso ricoverato nell’ospedale cittadino dopo le diverse ferite riportate. Secondo i medici che lo hanno soccorso, l’uomo non sarebbe in pericolo di vita. Per lui una prognosi di 14 giorni salvo complicazioni.

“Un detenuto di origini casertane, con posizione giuridica di definitivo per reati comuni – si legge nel comunicato firmato dal segretario nazionale per la Campania Emilio Fattorello – al rientro dal colloquio con la moglie ha aggredito con inaudita violenza e senza esclusione di colpi il collega in servizio nella sezione dello stesso. Il poliziotto aggredito in carcere, per la gravità delle lesioni subite a seguito della vile aggressione subìta, è stato condotto con urgenza all’Ospedale Civile a mezzo 118, ove è tutt’ora ricoverato. Ha dovuto far ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso anche altro collega che è intervenuto a sedare la colluttazione posta in essere dal ristretto. Il detenuto non è nuovo ad atti di violenza contro il Personale della Polizia Penitenziaria in altri istituti della regione”.