Crisi a Villaricca, l’opposizione all’attacco: “Punzo e Guarino bocciati dagli elettori”

punzo villaricca crisi molino guarino punzo riccarelli di marino

In città tiene ancora banco la crisi politica dell’amministrazione comunale, iniziata con le dimissioni del vicesindaco Francesco Mastrantuono e degli assessori Rocco Ciccarelli e Antonio Cacciapuoti. In vista delle prossime elezioni le forze politiche villaricchesi sono intenzionate a costruire un’alternativa alla coalizione guidata dal sindaco Rosaria Punzo.

Il gruppo Napoli Nord ha puntato il dito contro due esponenti dell’amministrazione dopo il recente azzeramento della giunta: “L’epilogo di questo fallimento è nelle stesse dimissioni di ben tre assessori, tre importanti riferimenti amministrativi che hanno letteralmente abbandonato l’asse Punzo-Guarino, per noi e per molti cittadini i veri protagonisti di questa fiction cinematografica che, tra selfie e aperitivi ha tentato di costruire l’immagine perfetta di una città che, al contrario, ha completamente perso la bussola. Una città che è stata per anni modello di buona amministrazione, oggi è completamente irriconoscibile” – ha commentato il consigliere d’opposizione Mario Molino – “Per quanto ci riguarda, siamo a lavoro per una decisa svolta politica“.

La gestione fallimentare di questa amministrazione è stata bocciata
anche dai cittadini” – ha dichiarato il consigliere comunale Giosuè Di Marino – “I risultati elettorali delle Regionali hanno interessato anche le forze politiche di questa coalizione tanto che lo stesso Segretario del PD dovrebbe rassegnare le dimissioni e consentire una profonda riflessione politica e programmatica che, dato l’attaccamento alle poltrone, difficilmente potrà realizzarsi“.

CRISI AMMINISTRATIVA, SCONTRO PUNZO-CICCARELLI

Dopo le prime schermaglie tra Punzo e gli ex componenti della giunta, Ciccarelli ha voluto smentire la ricostruzione del sindaco (Leggi qui): “Non ha mai ricevuto alcuna sfiducia dal mio gruppo consiliare, tanto meno dal sindaco. La delusione è tanta e, se sono arrivato a dimettermi a pochi mesi dalla fine naturale del mandato, è perché le nostre proposte sono state sistematicamente ignorate“.

Cinque anni fa Ciccarelli fu il primo eletto nella civica Apertamente, ma oggi i rapporti con il suo gruppo sono compromessi, infatti, ha attaccato anche l’ideatore della lista Francesco Guarino: “Abbiamo dato spazio anche a chi non si era candidato, abbiamo dato fiducia ai buoni propositi all’idea di una politica basata sull’interesse generale ma, probabilmente le ambizioni personali hanno preso il sopravvento avviando quel processo catastrofico di cui oggi si raccolgono le macerie. I risultati delle Elezioni Regionali, come hanno ben evidenziato alcuni analisti politici, registrano anche la bocciatura dei cittadini elettori”.