7.4 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

«Cor’ e babbo, ti avevo promesso la finale», strazianti parole del papà di Salvatore Caliano


salvatore caliano. “Sà a babbo, dimmi che non è vero. Amore mio. Ditemi che un sogno. Sono distrutto. Ho perso il pezzo più importante della mia vita. Mi manchi a babbo. Dove sei? Ti sto aspettando dobbiamo andare a giocare la finale di calcetto. Ti avevo promesso che ti facevo vincere. Mi hai pregato per farmi venire a giocare. E tu dove sei ti sto aspettando vita mia. Cuore di babbo. Mi hai distrutto, non ci sono parole. Sei amato da tutti perchè ti sapevi far amare .. Figlio mio vita mia.. Vieni ad abbracciarmi. Cor e babb..

Sono queste le strazianti parole di Luigi Caliano, il papà di Salvatore, il barista  morto tragicamente nella giornata di martedì, 10 luglio, in un tragico incidente. Nell’ora di spacco il 21enne era stato chiamato a fare un ‘lavoretto’ per soli 35 euro. Salvatore è morto cadendo dal quarto piano di un edificio in via Duomo mentre cercava di togliere i residui di polvere da un lucernario, come gli aveva chiesto una signora che abita nel palazzo. Fatale lo schianto al suolo. La notizia ha sconvolto amici, parenti e l’intera comunità napoletana. Sul web e in strada non si parla d’altro. Salvatore era benvoluto proprio da tutti.

Un ragazzo d’oro, gentile, educato e sempre disponibile lo descrive chi lo conosceva. Ma di Salvatore ne parla anche chi non aveva avuto il piacere di conoscerlo ma si è stretto comunque al dolore della famiglia. «Non si può morire così giovane per pochi euro».

Morte di Salvatore Caliano, ci sono due indagati per omicidio colposo

Morte di Salvatore Caliano, due persone finiscono nel registro degli indagati. Si tratterebbe di due persone legate allo stabile dove il giovane ha trovato la morte mentre puliva un lucernario cadendo da diversi metri. Tra le persone indagate, stando alle ultime indiscrezioni filtrate, ci sarebbe anche la proprietaria dell’appartamento attraverso cui si accede al tetto dell’ascensore che il giovane stava pulendo. L’accusa contestata è quella di omicidio colposo.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Ucciso dal suo clan, 7 ergastoli a boss e killer degli Amato-Pagano per l’omicidio Barretta

Si è concluso con sette ergastoli e due condanne a 12 anni di reclusione il processo sull'omicidio di Luigi...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria