In Israele i cittadini sono controllati dai cellulari. «Ti vediamo, sei passato vicino ad un malato di coronavirus. Quindi da oggi devi entrare in quarantena». Questo, difatti, è il messaggio che oltre 400 israeliani si sono visti recapitare sullo smartphone mentre erano in strada. L’iniziativa è di quelle varate dal governo per far sì che il contagio si fermi.

Il programma di controllo digitale è stato affidato dall’esecutivo con un provvedimento di emergenza alla polizia ed allo Shin Bet, servizio di sicurezza interno. Non solo cellulari, ma anche apparecchi elettrici privati. Nonostante le tante critiche ricevute, compreso il ricorso alla Corte Suprema presentato da due Ong, il governo continua a credere che sia una delle soluzioni più consone al momento.

Il governo israeliano, come molti altri Pesi, ha limitato severamente le attività pubbliche e l’uscita da casa «se non per situazioni che lo impongono».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.