Coronavirus in Campania. Aumentano i ricoveri in terapia intensiva

Coronavirus, terapie intensive in Campania
Coronavirus, terapie intensive in Campania

Aumento dei ricoveri nelle terapie intensive in Campania. L’emergenza coronavirus che sta investendo la Campania da metà agosto con la seconda ondata di contagio inizia a preoccupare. Aumentano, infatti, i ricoverati in terapia intensiva nei covid center sparsi sul territorio regionale. Nonostante il sensibile calo dei contagi registrato nella giornata di lunedì, a fronte di un numero basso di tamponi, i ricoveri sono in ascesa. Crescono i malati che stanno accusando problemi con la malattia, tali da necessitare il ricovero in terapia intensiva: sono 19 ad oggi, in crescita veloce rispetto ai due di un paio di settimane fa e due in più rispetto ai dati di ieri in cui il numero era 17.

Ieri erano 90 i positivi al coronavirus secondo l’Unità di Crisi della Regione Campania, di cui 10 casi di rientro o connessi a precedenti positivi da rientro. Il calo dei casi, però, corrisponde anche ai soli 2845 tamponi. La buona notizia arriva dal fronte dei guariti, infatti, oggi se ne registrano 26. Purtroppo si è verificato un decesso.

IL RITORNO DEL COVID AD OTTOBRE

“L’Europa vedrà un aumento dei decessi provocati dal covid nei mesi di ottobre e novembre”.  Lo ha detto all’agenzia di stampa Afp il direttore per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della Sanità, Hans Kluge.  “Diventerà più difficile. In ottobre e novembre vedremo una maggiore mortalità”, ha sottolineato Kluge spiegando che i decessi aumenteranno a causa dell’attuale incremento dei casi di contagio.

 

Nuovo record giornaliero di casi a livello globale: secondo l’Oms, i contagi nel mondo sono stati 307.930 nelle ultime 24 ore, il livello più alto in assoluto dall’inizio della pandemia. Il precedente record giornaliero era stato segnato il 6 settembre scorso con 306.857 nuove infezioni. Intanto, il bilancio dei morti provocati dal virus a livello globale ha superato quota 920mila: secondo i conteggi della Johns Hopkins University ad oggi i decessi nel mondo sono 922.737 a fronte di 28.996.407 casi.